Emilio Jona presenta “Il fregio della vita” al Salone del Libro di Torino, 13 maggio 2019

Lunedì 13 maggio 2019 alle ore 18.00 presso il Salone del Libro di Torino (Sala Rosa), incontro con Emilio Jona in occasione della pubblicazione de “Il fregio della vita”, in conversazione con Bruno Gambarotta e Francesco Rognoni.

Condividi:




Lunedì 13 maggio 2019 alle ore 18.00 presso il Salone del Libro di Torino (Sala Rosa), incontro con Emilio Jona in occasione della pubblicazione de “Il fregio della vita”, in conversazione con Bruno Gambarotta e Francesco Rognoni.


Emilio Jona, Il fregio della vita
Incontro con Emilio Jona
In occasione della pubblicazione di Il fregio della vita
lunedì 13 maggio, ore 18.00
Sala Rosa
In conversazione con Bruno Gambarotta e Francesco Rognoni

Il fregio della vita
Emilio Jona
ISBN: 978-88-545-1247-4
Collana: I Narratori delle Tavole
Pagine: 144
Prezzo: €16,00

La storia narrata in queste pagine si svolge tra Vienna e le montagne del Grossglockner, nel periodo che intercorre tra il 1934 e il 1938; anni fatidici del secolo passato, segnati dall’assassinio di Dollfuss e dall’Anschluss, l’annessione dell’Austria al Terzo Reich.
Il racconto, tuttavia, come sovente accade nella letteratura mitteleuropea, nel cui solco si muove palesemente, non narra dei grandi eventi storici che annunciano con clamore il tramonto di un’epoca e l’avvento di una nuova barbarie.
Il senso della fine traspare in queste pagine dai fantasmi e dalle ossessioni di una vicenda d’amore che ruota attorno a tre personaggi: un marito, una moglie e un nano. Inizia con la dolente elaborazione letteraria delle proprie vicende matrimoniali narrate da uno dei protagonisti, ormai ottantenne, a un passante, occasionalmente incontrato su di una panchina del lungolago di Bregenz: un nano, caustico e curioso personaggio, che diventerà il possessore e il dispensatore delle storie segrete dei due coniugi; lui, un uomo tormentato e innamorato della sua gelosissima sposa, lei, un’ebrea inquieta e insoddisfatta, alla scoperta della sua dirompente sessualità.
Sarà il nano a compiere un viaggio dentro la loro vita, dominata da demoni e cieca su quanto si prepara nell’Austria che sta covando il nazismo. E il passato riemergerà, come un fiume carsico limaccioso e pieno di detriti, debordando e invadendo il presente; un passato che non sarà più solo loro, ma anche una dimensione del presente di ognuno di noi, perché senza tempo sono le storie d’amore, di gelosia, di tradimento, e di morte che ci abitano.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *