Poetry Slam! Sfida a suon di versi – registrazioni tv allo Zelig Cabaret di Milano, 21 e 22 maggio 2019

Martedì 21 maggio 2019 alle ore 21.00 presso lo Zelig Cabaret di viale Monza 14 a Milano, Poetry Slam! Sifda a suon di versi – registrazioni tv.

Condividi:





Martedì 21 maggio 2019 alle ore 21.00 presso lo Zelig Cabaret di viale Monza 14 a Milano, Poetry Slam! Sifda a suon di versi – registrazioni tv.

Ringraziamo l’Ufficio Stampa dello Zelig Cabaret per averci segnalato questo evento.

Zelig Cabaret
Viale Monza 140 – Milano
Martedi 21 maggio 2019 – ore 21.00
Mercoledì 22 maggio 2019 – ore 21.00
Poetry Slam! Sfida a suon di versi – REGISTRAZION TV
POSTO FISSO € 15.00
IL POETRY SLAM A ZELIG!


21 maggio con Giacomo Sandron, Gianmarco Tricarico, Alfonso Maria Petrosino, Nicolas Cunial, Lorenzo Bartolin, Eugenia Galli
22 maggio con Francesca Gironi, Luigi Socci, Matteo Di Genova , Marko Miladinovic, Andrea Fabiani, Sergio Garau
Un microfono. Il poeta e la sua voce, i suoi testi, il suo corpo e tre minuti a disposizione. Una giuria scelta casualmente tra il pubblico che stabilisce qual è la poesia e la performance migliore. Due portentosi maestri di cerimonia a condurre la gara: Paolo Agrati sul palco e Ciccio Rigoli alla consolle. Notaio d’eccezione: Davide Passoni.
Cos’è un Poetry Slam? Il Poetry Slam nasce nel 1984 quando Mark Kelly Smith, operaio nei cantieri e poeta, organizza una serie di incontri di lettura a voce alta in un jazz club di Chicago, Il suo intento è quello di portare del nuovo nella scena poetica, coinvolgendo il pubblico in un gioco legato alla poesia e alla performance. L’evento è organizzato da SLAM il primo coworking dedicato all’editoria e allo spettacolo, e fa parte del campionato LIPS – Lega Italiana Poetry Slam

Ecco gli slammer delle date di maggio

21 maggio
Giacomo Sandron, Gianmarco Tricarico, Alfonso Maria Petrosino, Nicolas Cunial, Lorenzo Bartolin, Eugenia Galli
22 maggio
Francesca Gironi, Luigi Socci, Matteo Di Genova , Marko Miladinovic, Andrea Fabiani, Sergio Garau

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *