→ Il permit player Alessandro Izekor valuta la sua espereinza al Benetton Rugby. (TW: @BenettonRugby – IG: @benettonrguby – FB: @BenettonRugbyTreviso)

ALESSANDRO IZEKOR: “IL BENETTON RUGBY AMBIENTE IDEALE IN CUI CRESCERE”

Il Benetton Rugby ieri a Monigo ha perso contro il Leinster Rugby. A parlare del match, e anche della sua esperienza da permit player dei biancoverdi, è Alessandro Izekor, che dalla prossima settimana tornerà al Calvisano.

Alessandro, cosa pensi del match contro Leinster?
“Innanzitutto c’è da sottolineare che Leinster è stato un avversario davvero tosto, sapevamo che la partita sarebbe stata dura per tutti e 80 i minuti. Abbiamo cercato di fare il massimo e sapevamo che sia noi che loro avevamo fuori dei nazionali. Abbiamo dato il 100%, ma è venuta fuori la qualità di Leinster”.

Cosa ci sarà da rivedere maggiormente?
“Abbiamo subito tanto in maul, mentre nelle altre partite era andata bene. Leinster è una squadra molto precisa, sa quello che fa e noi abbiamo accusato questa cosa”.

Cosa hai appreso da queste tre settimane in maglia biancoverde?
“Ho imparato tanto, sapevo di non essere perfetto e ho capito ancora di più che devo migliorare in tanti aspetti. Giocando solitamente nel Top10, un campionato minore rispetto all’URC, alcune cose non ero abituato a farle e adesso mi rendo conto che c’è tanto su cui lavorare. Per il resto, mi sono trovato bene con il resto dei compagni. Per di più diversi di loro li avevo conosciuti con la Nazionale Emergenti e in Under 20. Mi sono inserito facilmente e mi hanno fatto sentire subito uno del gruppo, dandomi consigli e aiuti costanti. I giocatori e tutto lo staff mi sono stati vicini; è stata una bellissima esperienza”.

Cosa ti ha colpito del mondo Benetton Rugby?
“La struttura è molto organizzata. Questo è un ottimo posto per crescere, ha tanti giovani in rosa e tutti stanno facendo un bel percorso di crescita. E’ facile crescere in strutture di questo tipo e attrezzature del genere. Ora come ora penso che da questo punto di vista sia il migliore club in Italia”.

Condividi: