→ #Tango, #jazz, #classica, #contemporanea e una #lezioneconcerto di #ChristianMeyer, dal 18 luglio all’8 agosto le musiche del mondo fanno da colonna sonora all’estate di #PadernoDugnano (Milano).

Tango, jazz, classica, contemporanea

e una lezione-concerto di Christian Meyer: dal 18 luglio all’8 agosto

le musiche del mondo faranno da colonna sonora

all’estate di Paderno Dugnano (Mi)

Prende il via sabato 18 luglio a Paderno Dugnano una rassegna a ingresso libero

che, nel segno della trasversalità, spazia tra i generi. Tra gli artisti coinvolti nomi di primo piani della scena nazionale, da Andrea Dulbecco a Fausto Beccalossi. Il primo appuntamento

è con Christian Meyer, funambolico batterista di Elio e le Storie Tese, con un laboratorio

musicale rivolto ai bambini, a metà strada tra il gioco collettivo e la lezione didattica

Non solo cinema all’aperto, spettacoli di cabaret e attività per bambini: l’estate di Paderno Dugnano sarà caratterizzata anche da una rassegna musicale promossa dal Comune (con il contributo della Regione Lombardia) e organizzata dalla cooperativa Controluce, con la collaborazione di AH-UM, in due delle location più suggestive della città: la bellissima Villa Gargantini e l’anfiteatro del Parco Lago Nord, felice esempio di recupero ambientale di una cava dismessa.

Quattro i concerti in programma – fino all’8 agosto – nel segno della trasversalità tra i generi musicali. Si parte sabato 18 luglio (ore 17.30, Villa Gargantini, via Valassina 1; ingresso libero con prenotazione obbligatoria on line all’indirizzo www.controluce.com/Prenotazioni2020/prenotazioni) con la lezione-concerto di Christian Meyer, lo storico batterista del gruppo Elio e le Storie Tese. In questo progetto, studiato appositamente per gli alunni della scuola primaria (ma non solo), si imparerà ad ascoltare la musica e a distinguerne i generi e si familiarizzerà con i vari strumenti, addentrandosi in particolare nel mondo della batteria, del ritmo e della coordinazione. E, ovviamente, si suonerà tutti insieme. Grazie alle brillanti doti divulgative di Christian, eclettico musicista che nel corso della sua carriera ha collaborato con artisti del calibro di Santana, Mina, Ornella Vanoni, Gianni Morandi, Lucio Dalla, Renzo Arbore, Paolo Fresu e molti altri, il divertimento è assicurato.

PH ANDREA PAVESI

Com’è noto, la musica sviluppa creatività ed intelligenza soprattutto nei bambini in età scolare. Fin da piccoli, quelli generalmente dotati di capacità musicale sono attratti dai suoni, che cercano di riprodurre anche con oggetti di uso quotidiano. Ma non sempre la predisposizione è innata e l’intelligenza musicale – al pari di quella linguistica, logica e corporea – va stimolata in modo appropriato. La musica migliora il carattere delle persone, in modo particolare quello dei bambini, che imparano a dominare le emozioni. Per stimolare l’intelligenza musicale è quindi importante intraprendere un percorso propedeutico il più possibile coinvolgente, come si ripromette di fare Christian Meyer in questo coinvolgente laboratorio a metà strada tra il gioco collettivo e la lezione didattica.

Il secondo appuntamento della rassegna musicale è in programma venerdì 24 luglio (ore 21, ingresso libero, prenotazione obbligatoria) nell’anfiteatro del Parco Lago Nord con le atmosfere romantiche e sensuali garantite dal Filly Lupo Tango Trio: la formazione composta da Filly Lupo (voce), Gino Zambelli (bandoneon) ed Hernan Fassa (pianoforte) presenterà un repertorio di grandi classici del tango, inclusi alcuni dei più noti capolavori di Astor Piazzolla (da “Libertango” ad “Oblivion” fino a “Balada para un loco”), il famosissimo compositore argentino che rivoluzionò questo genere dando vita al Tango Nuevo.

Sabato 1 agosto (ore 21, ingresso libero, prenotazione obbligatoria) nell’anfiteatro del Parco Lago Nord sarà la volta di Fausto Beccalossi, uno dei più apprezzati fisarmonicisti a livello internazionale, e del talentuoso chitarrista Claudio Farinone (chitarra otto corde, baritona e flamenco) con il progetto intitolato “Scrapbook”: questo singolare duo nasce dall’alchimia che unisce un fisarmonicista di impronta principalmente jazzistica e un chitarrista classico di formazione ma improvvisatore nell’anima. Due approcci creativi diversi che riescono a confluire felicemente l’uno nell’altro, dando vita a un nuovo spazio stilistico.

Infine, sabato 8 agosto (anfiteatro del Parco Lago Nord, ore 21, ingresso libero, prenotazione obbligatoria), per l’ultimo appuntamento musicale dell’estate padernese si esibirà l’Aisha duo, formazione in equilibrio tra jazz, classica e contemporanea composta da due tra i più importanti esponenti del panorama jazzistico italiano: Andrea Dulbecco, rinomato vibrafonista di livello internazionale nonché componente storico dell’ensemble Sentieri Selvaggi, e Luca Gusella, poliedrico percussionista che vanta numerose collaborazioni, tra le quali spiccano quelle con Giorgio Gaslini e Lee Konitz.

I vent’anni di AH-UM

I quattro appuntamenti musicali di Paderno Dugnano sono prodotti da AH-UM, che quest’anno festeggia i vent’anni di attività e che prima del lockdown aveva portato la grande cantautrice portoghese Lula Pena a Settimo Milanese (Mi) e Arianna Antinori, una delle più belle voci rock-blues della scena nazionale, a Villasanta (Mb).

Dal 2000 AH-UM opera nell’ambito della progettazione culturale e musicale, dando vita ad esperienze creative e performative innovative, in grado di generare valore e che abbiano una connotazione etica, socialmente responsabile e sostenibile dal punto di vista ambientale, svolgendo un importante ruolo di sviluppatore di sinergie tra artisti, pubblico, operatori del settore e istituzioni.

Instancabile animatore e ideatore di AH-UM è Antonio Ribatti: operatore attivo da oltre trent’anni in ambito culturale, Ribatti ha collaborato con numerose istituzioni e associazioni nazionali di rilievo come MIDJ, l’associazione dei musicisti italiani di jazz, e I-JAZZ, l’associazione nazionale che raccoglie alcuni dei più conosciuti e seguiti festival jazz italiani. Nel 2000 è stato tra i fondatori dell’AH-UM Milano Jazz Festival, evento residente dal 2010 nel quartiere Isola del capoluogo lombardo, secondo la formula del festival territoriale, capace di creare relazioni virtuose tra musicisti, operatori, commercianti e pubblico.

La società cooperativa Controluce, attiva dal 1984, è un’organizzazione capace di gestire, su tutto il territorio nazionale, interventi volti alla valorizzazione del tempo libero attraverso l’organizzazione e la gestione di spettacoli cinematografici, teatrali e musicali con interventi diretti di gestione o per conto del

#Tango #jazz #classica #contemporanea #lezioneconcerto #ChristianMeyer #PadernoDugnano

Condividi: