→ Disponibile il suggestivo videoclip di Di sole e d’azzurro per la regia di Giuseppe Rosato, secondo brano estratto dall’album Dolcissime Radici della cantante barese Giovanna Carone (pubblicato per Digressione Music) (FB: @giovanna.carone.7 – FB: @digressionemusic.it)

Online il suggestivo videoclip di “Di sole e d’azzurro
per la regia di Giuseppe Rosato

Intanto “Dolcissime Radici” è in testa alle classifiche dei network internazionali
MerginArts e Global Village


DOLCISSIME RADICI
GIOVANNA CARONE
Digressione Music, 2020

Il disco è disponibile sul sito di Digressione Music, in tutti in negozi, gli store online e in streaming su Deezer

E’ uscito il videoclip di “Di sole e d’azzurro”, secondo brano estratto dall’album “Dolcissime Radici” della cantante barese Giovanna Carone, pubblicato per Digressione Music. Il video, per la regia di Giuseppe Rosato, propone un intrigante gioco di rimandi con le sequenze delle sessions di registrazione del disco intercalate da immagini dense di poesia. L’elegante timbro vocale della cantante pugliese, incorniciato dal raffinato arrangiamento, esalta il lirismo del testo firmato da Zucchero e le complesse strutture musicali del brano, portato al successo da Giorgia, che gioca su un continuo cambio di registri vocali.

Dolcissime Radici” ha raccolto ampi consensi di pubblico e critica, giungendo ai vertici delle chart internazionali dei network MerginArts negli Stati Uniti d’America e Global Village in Australia, oltre a raccogliere passaggi e presentazioni radiofoniche di prestigio, tra cui quello nel corso della nota trasmissione radiofonica Mundofonías.
Il disco raccoglie undici brani che compendiano l’articolato background artistico e formativo di Giovanna Carone e spazia attraverso sette secoli di storia della musica, dal Trecento alla musica barocca per toccare la moderna canzone d’autore. Filo conduttore del disco è il personale percorso di ricerca dell’artista pugliese intorno alla lingua italiana e alla sua evoluzione in relazione alla musica e alla poesia. 
Ad accompagnare la cantante barese in questa nuova avventura musicale è un gruppo a geometrie variabili composto da alcuni tra i migliori strumentisti della scena musicale italiana: Leo Gadaleta (arrangiamenti, violino acustico ed elettrico, piano Rhodes, chitarra classica, chitarra synth e chitarra portoghese, samples ed elettronica), Vince Abbracciante (fisarmonica), Pippo D’Ambrosio (percussioni), Nando Di Modugno(chitarra classica ed elettrica), Guido Morini (clavicembalo, pianoforte), Roberto Ottaviano (sax soprano), Mirko Signorile (pianoforte) e Giorgio Vendola (contrabasso).

Dal punto di vista prettamente musicale l’album si muove tra il jazz e la musica contemporanea con addentellati che rimandano alla musica del Seicento italiano e quella cameristica.
Aperto dalla splendida rilettura di “O vezzosetta dalla chioma d’oro” di Andrea Falconieri – primo singolo estratto dal disco – il disco è un susseguirsi continuo di perle che vanno da “Lamento di Apollo” di Francesco Cavalli a “Giovine Vagha” e “Ecco la primavera” di Landini, passa per “Se l’aura spira” di Frescobaldi per toccare la canzone napoletana con “Passione” di Libero Bovio e i Cantacronache con “Un paese vuol dire” di Mario Pogliotti. L’approdo è alla canzone d’autore è sorprendente con “Un giorno dopo l’altro” di Luigi Tenco e “Un anno d’amore” di Mogol ma soprattutto con le brillanti versioni di “Di sole e d’azzurro” di Zucchero Fornaciari e “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno” di Max Gazzè.

Da un’idea di Giovanna Carone
Arrangiamenti di Leo Gadaleta
 
Giovanna Carone voce 
Vince Abbracciante fisarmonica 
Pippo D’Ambrosio percussioni 
Nando Di Modugno chitarra classica ed elettrica 
Leo Gadaleta violino acustico ed elettrico, piano rhodes, chitarra classica, chitarra synth e chitarra portoghese, samples ed elettronica
Guido Morini clavicembalo, pianoforte
Roberto Ottaviano sax soprano 
Mirko Signorile pianoforte 
Giorgio Vendola contrabasso
 
Tracklist 
 
1. O vezzosetta dalla chioma d’oro
2. Passione
3. Lamento di Apollo
4. Un paese vuol dire non essere soli
5. Giovine vaga
6. Un giorno dopo l’altro
7. Ecco la primavera
8. Fantasia – Se l’aura spira
9. Un anno d’amore
10. Di sole e d’azzurro
11. La leggenda di Cristalda e Pizzomunno

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Le mie dolcissime radici…
Cercavo un nome per il disco ed è arrivato per caso, con stupore e come un regalo inatteso, mentre cantavo il Lamento di Apollo di Francesco Cavalli. Dolcissime le mie radici e non solo. C’è una radice comune nei brani che ho scelto. È la nostra lingua meravigliosa, il sapore della parola ricercata, i bassi ostinati, la morbidezza della melodia italiana, la poesia. Senza tempo, nel tempo. Sono cresciuta attraverso la musica strumentale, mi sono innamorata del canto “da grande” e ho imparato ad usare la voce nella complessità della musica polifonica, nella parola cantata della musica del ‘600. Se l’aura spira di G. Frescobaldi è una delle prime arie a voce sola che ho imparato e Giovine e vagha di F. Landini, ascoltata da una ispirata cantante tedesca durante un corso sul Trecento italiano tenuto da P. Memelsdorff, mi ha rapita al primo ascolto. Ho scoperto per caso la voce naturale attraverso il repertorio yiddish e ho continuato a cercarla in altre lingue. Dovevo per necessità approdare all’italiano. Sono partita da qui. Ho provato a cantare con leggerezza, a contaminare i miei amori, cercare connessioni tra i bassi ostinati del barocco e quelli della nostra musica leggera. Con naturalezza tutto si è incontrato e reinventato. Ho cercato un complice e Leo Gadaleta, amico e musicista sapiente ed entusiasta, mi ha accolta, sostenuta, accompagnata, sollecitata ad avere una meta, a volte senza meta. E in fondo, ha fatto anche suo questo progetto. Non smetterò mai di ringraziarlo. Guido Morini, Mirko Signorile, Nando Di Modugno, Vince Abbracciante, Pippo D’Ambrosio, Giorgio Vendola e Roberto Ottaviano hanno arricchito, colorato e definito con la loro arte il percorso. Sono onorata della loro fiducia e disponibilità. Fra loro ci sono affetti cari e musicisti che hanno segnato in modo importante il mio cammino musicale.
 
Giovanna Carone

Note biografiche

Cantante barese diplomata in pianoforte con H.Pell, in canto e musica vocale da camera con A. Felle.  Ha studiato vocalità barocca con R. Bertini, C. Ansermet e G. Banditelli, musica da camera del ‘600 con R. Gini e il repertorio del ‘300 italiano con P. Memelsdorff presso la Civica di Milano. Inoltre ha studiato il metodo Barthelemy con la stessa Iva Barthelemy, e canto armonico con Sainkho  Namtchylak. Ha partecipato attivamente al Corso Comenius “Write an Opera” organizzato dalla Royal Opera House a Leeds, sulla scrittura dell’Opera per ragazzi. Ha collaborato con Ensemble Calixtinus, Ensemble Vocale Palazzo Incantato, Artifizio Musicale, Cantar Lontano, Studio ‘300. Con queste formazioni ha cantato per Mousikè, Antiche note di Umbria e Toscana, A.Gi.Mus Roma, Basilica S.Nicola, Pietà dei Turchini a Napoli, Festival Leonardo Leo, Suoni del Mediterraneo, Festival Farinelli, Musica nelle Corti di Capitanata, Festival dell’Aurora di Crotone, Voci dell’anima, Cantar Lontano a Milano. Ha inciso “Il primo libro dei madrigali a quattro voci” di P. Nenna (Tactus),  “Adieus mes amour” (DAD records), “Donn’amor” (Digressione Music) col tiorbista Rosario Conte e “Il bacio alla barese” sull’ottavo libro di Madrigali di P. Nenna (Digressione Music). Dal 2008 forma col pianista Mirko Signorile il Farlibe Duo, un intenso sodalizio musicale che partendo da rivisitazioni di canzoni d’autore in yiddish, ha trovato una poetica e un suono comune.

Col Farlibe Duo ha inciso Betàm Soul, Far Libe e Mirazh, un concept album liberamente ispirato alle Città Invisibili di Calvino (Digressione Music). L’Adriatico Mediterraneo, Time Zones, Pietre che Cantano, Nel gioco del Jazz, Sulle ali della bellezza, Bari in Jazz, Santafiora Festival, Piano Ostuni e MITO di Torino, sono alcuni dei Festival ai quali il Duo è stato invitato. Collabora anche con Elisa Barucchieri e la compagnia di danza Resextensa nello spettacolo Sospensioni Sonore e nel 2018-19 è in tour con Daniele Sepe e l’Orchestra della Magna Grecia. Ha cantato dal vivo per radio Radio Tre nella trasmissione 6 gradi e per i Concerti del Quirinale. Proficua e speciale è anche la collaborazione col pianista Benedetto Boccuzzi su repertorio cameristico del ‘900 francese e inglese. Nel 2015 ha ideato per Experimenta, lo spettacolo “Marlene” sulla vita, i film e le canzoni di Marlene Dietrich, replicato al Teatro Sociale di Fasano e al Teatro Garibaldi di Bisceglie. Nel maggio 2017 ha cantato al Theater Rigiblick e al Theater Ticino di Zurigo nello spettacolo “Auf Flügen des Gesanges” con l’attrice Eva Mattes.  Nel 2020 esce il suo ultimo lavoro discografico Dolcissime radici un progetto intorno alla lingua e musica italiana dal ‘300 di Landini ai giorni nostri  “senza tempo nel tempo”. Quest’ultimo lavoro è pensato e arrangiato con Leo Gadaleta e impreziosito da Guido Morini, Roberto Ottaviano, Mirko Signorile, Giorgio Vendola , Nando Di Modugno, Vince Abbracciante e Pippo D’ambrosio.

Condividi: