→ Ai Giochi Olimpici di Tokyo l’azzurro del judo Fabio Basile non è riuscito a superare il turno nella categoria 73 kg fermato dal sud coreano An Changrim (TW: @FijlkamOfficial – FB: @Fijlkam)

An Changrim spegne l’Olimpiade di Fabio Basile

Niente da fare per Fabio Basile che, nella terza giornata di gare dell’Olimpiade nel Budokan a Tokyo, non è riuscito nei 73 kg a superare il turno con il sudcoreano An Changrim. Al termine di un incontro estremamente incerto, nel quale l’azzurro non ha risparmiato idee ed energie, An Changrim campione del mondo a Baku 2018 ha trovato lo spunto risolutore con una sequenza o uchi-o soto gari quando il tempo del golden score aveva superato i 4 minuti e 30 secondi.     

Oggi Fabio stava molto bene -ha detto il tecnico azzurro Raffaele Toniolo– è stato un incontro tra due grandi campioni, molto teso sul filo del rasoio. Fabio ha dato tutto e ha perso con un avversario che arriverà in fondo. Purtroppo, il sorteggio non è stato dei migliori”.

Il forte coreano infatti, ha poi superato anche l’uzbeko Turaev e l’israeliano Butbul ed alle 10 (italiane) disputerà la semifinale olimpica con il georgiano Shavdatuashvili, mentre nell’altra semifinale Shohei Ono (Jpn) se la vedrà con il mongolo Tsend-Ochir.

“Fabio oggi ha fatto veramente un ottimo incontro, il koreano An era alla sua portata -ha detto Giovanni Esposito, che con Fabio Basile ha condiviso il percorso di qualificazione per Tokyo- per quanto riguarda le semifinali, quei quattro atleti corrispondono esattamente ai miei pronostici. Ormai credo di conoscere i miei avversari quasi meglio di me stesso”.

Condividi: