Il Fila San Martino cede sono nel finale in gara 2 con Famila Wuber Schio e saluta i playoff a testa alta . (Twitter: @lupebasket – FB: @lupebasket – IG: @lupebasket)

Il Fila saluta i playoff con una grande prova a Schio, dove cede dopo 35′ in vantaggio

Famila Wuber Schio – Fila San Martino 76-67



BASKET SCHIO:
 Del Pero (0/1, 0/1), Mestdagh 9 (2/2, 1/6), Sottana 8 (1/2, 2/2), Gruda 8 (4/12), Verona 4 (2/4), Crippa 3 (1/3 da tre), Andrè 19 (9/13), Dotto 2 (1/3, 0/2), Keys 4 (2/2, 0/3), Laksa 19 (5/12, 3/7). All. Dikaioulakos.


BASKET SAN MARTINO: Kelley 18 (6/9, 1/4), Fontana, Guarise 7 (3/6, 0/2), Antonello, Filippi 6 (2/7 da tre), Frigo, Pilabere (0/2, 0/1), Pastrello 17 (5/9, 2/5), Mitchell 17 (5/9, 2/2), Varaldi, Arado (0/1 da tre), Peserico 2 (1/3). All. Serventi.


ARBITRI: Maschietto di Treviso, Centonza di Grottammare (AP), Culmone di Bologna.
PARZIALI: 16-17, 34-41, 53-56.


NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: Schio 26/51, San Martino 20/38. Tiri da tre: Schio 7/24, San Martino 7/22. Tiri liberi: Schio 3/4, San Martino 6/12. Rimbalzi: Schio 46 (Keys 10), San Martino 32 (Kelley 17). Assist: Schio 22 (Mestdagh 6), San Martino 14 (Kelley 6).



Si chiude con una bella prova la stagione del Fila, che al PalaRomare di Schio, nel ritorno dei quarti finale playoff, accarezza l’impresa contro la corazzata Famila. Avanti per 35′, anche di 11 lunghezze, le Lupe cedono solo nel finale, quando si esauriscono le energie. Sarebbe stata una vittoria di prestigio, contro una squadra ancora imbattuta in Italia (30 successi su 30), anche se non avrebbe cambiato le sorti della qualificazione, che Schio aveva ipotecato con il netto +30 dell’andata. Si chiude comunque fra gli applausi la stagione delle ragazze di coach Serventi, che completano a testa altissima un cammino pieno di emozioni, a dispetto delle oggettive difficoltà dovute ai gravi infortuni: il ringraziamento a squadra e staff, così come ai tifosi che sempre hanno offerto il loro sostegno, è più che mai doveroso.



1° QUARTO. Il primo vantaggio al PalaRomare è firmato Guarise e Pastrello, per lo 0-5 dopo un minuto. È un inizio ottimo quello delle Lupe, ispirate in attacco e vive in difesa: Kelley, Mitchell e Pastrello favoriscono anche il +9 al 4′ (4-13), che obbliga coach Dikaioulakos al timeout. Schio si rimette in ritmo con due triple consecutive di Laksa e Crippa, ma Kelley risponde con un personale (e stilisticamente molto apprezzabile) 4-0, per il 10-17. Come all’andata, il Famila è bravo a sfruttare i centimetri delle sue torri e a riavvicinarsi prima della pausa: Andrè firma il -1, e si va al riposo sul 16-17.



2° QUARTO. Il bel gioco da tre punti di Mitchell e l’entrata di Guarise valgono ancora il +6 in avvio di secondo periodo alle Lupe (16-22). Di nuovo, però, bastano due triple ravvicinate alle padrone di casa – a firma Mestdagh e Sottana – per impattare in un minuto, e al 13′ Andrè sigla anche il primo vantaggio scledense di serata sul 24-22. San Martino risponde senza timori: per due volte Kelley (l’americana chiuderà con una prova da 18 punti, 17 rimbalzi e 6 assist una stagione magnifica) riporta avanti le sue, e poi la bomba di Pastrello e l’appoggio di Peserico valgono ancora il +6 sul 26-32 del 16′. Entrando nell’ultimo minuto Pastrello trova bene Mitchell per il nuovo massimo vantaggio sul 32-41, prima che Verona fissi il 34-41 di metà gara.



3° QUARTO. Diversamente dall’andata, quando era arrivato al rientro degli spogliatoi il parziale decisivo per le vicentine, il Fila prova a restare avanti: le triple di Filippi e Kelley permettono di toccare di nuovo il +9 sul 38-47 del 22′. Con Mitchell e Pastrello (17 punti a testa) le Lupe raggiungono anche la doppia cifra di vantaggio al 25′, sul 42-53. Nel momento più difficile però il Famila reagisce da grande squadra qual è, riavvicinandosi con pazienza grazie a un break di 8-0. Poi nel finale di quarto Sottana risponde alla tripla di Mitchell, e all’ultima pausa c’è un solo possesso di distanza sul 53-56.



4° QUARTO. L’ultima frazione è punto a punto, ma le Lupe tengono ancora il vantaggio. Al 33′ Sottana ritrova il -1 sul 57-58, e poi Andrè (19 per lei, top scorer insieme a Laksa) firma il piazzato del sorpasso allo scadere dei 24″. L’immediata risposta è nella tripla di Mitchell del 59-61, ma è l’ultimo sussulto per le giallonere, che stanno esaurendo le energie. A 5′ dalla fine Laksa piazza la bomba del 64-61, e Schio non si volterà più indietro. A chiudere la gara è un parziale di 17-6 per le padrone di casa, che si vanno a prendere la semifinale contro Ragusa, mentre il Fila cede le armi con onore.



GLI ALTRI RISULTATI. Ritorno quarti Playoff (fra parentesi il punteggio totale): Venezia-Campobasso 60-57 (135-128), Lucca-Ragusa 60-53 (123-128), Bologna-Costa Masnaga 61-52 (157-112).

Condividi: