Il Fila San Martino nonostante le assenze se la gioca sino alla fine ma per inchinarsi alla E-Work Faenza che vince 69 a 66. (Twitter: @lupebasket – FB: @lupebasket – IG: @lupebasket)

A Faenza il Fila va vicino al colpo nonostante le assenze, vince la E-Work in volata

E-Work Faenza – Fila San Martino  69-66



FAENZA BASKET PROJECT:
 Kunaiyi-Akpanah 22 (10/11), Schwienbacher 2 (1/3), Cappellotto (0/1 da tre), Morsiani 2 (1/3), Cupido 8 (3/5, 0/1), Policari 5 (0/2, 1/6), Manzotti 3 (0/1, 1/4), Kantzy 5 (1/2, 1/2), Castello 4 (2/7), Davis 15 (4/8, 1/1), Porcu 3 (1/2 da tre). All. Ballardini.
BASKET SAN MARTINO: Kelley 22 (7/16, 1/2), Guarise 8 (2/4, 1/5), Antonello (0/2 da tre), Filippi 3 (0/3, 1/6), Frigo ne, Pilabere 3 (1/3), Pastrello 4 (1/5, 0/4), Mitchell 20 (6/10, 2/6), Varaldi, Arado, Peserico 6 (3/3, 0/1), Diakhoumpa ne.
ARBITRI: Boscolo Nale di Chioggia (VE), Lanciotti di Porto San Giorgio (FM) e Pellegrini di Cesenatico (FC).
PARZIALI: 16-15, 39-31, 49-51.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: Faenza 22/42, San Martino 20/44. Tiri da tre: Faenza 5/17, San Martino 5/26. Tiri liberi: Faenza 10/13, San Martino 11/20. Rimbalzi: Faenza 44 (Kunaiyi-Akpanah 14), San Martino 38 (Kelley 15). Assist: Faenza 15 (Davis 10), San Martino 10 (Kelley 4).

Il penultimo turno di Techfind Serie A1 femminile, giocatosi eccezionalmente sabato sera, ha visto il Fila San Martino tornare dalla trasferta di Faenza con una sconfitta in volata. La formazione giallonera, reduce dal recupero con Empoli e costretta a fare i conti come sempre con le assenze (oltre a Milazzo in cabina di regia e alle lungodegenti Russo e Ianezic, stavolta mancava anche la guida in panchina di coach Serventi), ha disputato una partita bella e combattuta, andando vicina al colpo. La volata ha però premiato la E-Work, arrivata al quarto successo nelle ultime cinque gare casalinghe.



1° QUARTO. Parte bene Faenza, che ispirata da un’efficacissima Kunaiyi-Akpanah (per lei alla fine saranno 22 punti tirando 10/11 dal campo) fa corsa di testa, ma dall’altra parte Kelley tiene aggrappate le sue (10-8 al 5′). Si muove bene l’attacco delle padrone di casa, abili a conservare un margine di uno-due possessi per lunghi tratti della frazione. Ma San Martino è sempre lì, e anche con un quintetto giovanissimo ricuce, tornando a -1 (16-15) prima della pausa con Peserico.

2° QUARTO. In avvio di seconda frazione Kelley (doppia doppia da 22+15 per lei) firma il primo vantaggio ospite dell’incontro, poi al provvisorio +3 di Mitchell risponde Porcu da dietro l’arco. È una prima parte di quarto punto a punto, ricca di cambi di leadership. Poi un 6-0 firmato Davis dà una nuova accelerata per le padrone di casa (28-23 al 17′), e il guaio per le giallonere è che è stato raggiunto il bonus: è dunque coi viaggi in lunetta che Faenza allunga. Prima dell’intervallo la tripla di Policari vale anche il +10 (37-27), anche se in chiusura il bel canestro di Kelley sulla sirena fissa il 39-31.

3° QUARTO. Al rientro dagli spogliatoi, le Lupe ripartono ancora nel segno di Mitchell e Kelley: sono loro a trovare i canestri col fallo che in meno di 2′ riportano il distacco a un solo possesso, sul 41-38. Si sblocca anche Guarise, e poi una Mitchell dalla mano caldissima (alla fine saranno 20 punti per lei) piazza la tripla del nuovo sorpasso: 41-43 al 24′. Dall’altra parte arrivano due canestri importanti di Castello, ma le rispondono ancora Mitchell e Peserico, e sulla sirena è la stessa Alice a trovare freddissima il canestro che regala un vantaggio minimo alle ospiti: 49-51.



4° QUARTO. L’inerzia però cambia da un istante all’altro: Faenza riparte con un 5-0 e ritrova il sorpasso con la tripla di Davis. Kantzy fa anche +5 (57-52), e ora a San Martino sembra mancare un po’ di lucidità, com’è anche comprensibile viste le rotazioni ridotte, i tanti impegni ravvicinati e la mancanza del capo allenatore in panchina. Ciononostante, la tripla di Filippi a 3′ dalla fine vale ancora il -2 (59-57), e poi Mitchell trova benissimo Kelley per il pareggio. Ancora Mitchell fa +1 dalla lunetta, poi a Kunaiyi-Akpanah e Cupido risponde Guarise da dietro l’arco: si entra nell’ultimo minuto sul 63-63. È qui che si decide l’incontro: Cupido ruba palla e va a segnare col fallo, e poi sul tentativo di pareggio della stessa Guarise c’è la stoppata della lunghissima Kunaiyi-Akpanah, che va a segnare un +5 su cui iniziano a scorrere i titoli di coda. Mercoledì si concluderà la regular season, per il Fila appuntamento alle 20.30 a San Martino di Lupari contro Campobasso.

LE ALTRE PARTITE. Campobasso-Geas 58-59, Bologna-Costa Masnaga 63-82, Sassari-Schio 52-87, Broni-Moncalieri 62-59, Ragusa-Lucca 86-55, Venezia-Empoli 72-56.
Classifica (fra parentesi le gare giocate): Schio 44 (22); Bologna 36 (24); Venezia 34 (19), Lucca 34 (25); Ragusa 32 (24); Campobasso 26 (24); Costa Masnaga 24 (23), San Martino 24 (25); Geas 22 (25); Sassari 16 (25), Faenza 16 (25); Broni 12 (25); Moncalieri 10 (25); Empoli 6 (25).

Condividi: