Il Fila San Martino vince all’ultimo secondo l’incontro casalingo con Costa Masnago (71 a 69). (Twitter: @lupebasket – FB: @lupebasket – IG: @lupebasket)

Il Fila la vince all’ultimo secondo! Con Costa Masnaga è un successo prezioso

Fila San Martino – Limonta Costa Masnaga 71-69



BASKET SAN MARTINO:
 Kelley 16 (5/10, 1/2), Fontana ne, Guarise 2 (1/1, 0/1), Antonello ne, Filippi 5 (1/2, 1/4), Milazzo 22 (8/10, 2/4), Pilabere 2 (1/2), Pastrello 16 (2/6, 2/7), Mitchell 8 (4/11, 0/2), Varaldi ne, Arado ne, Peserico. All. Serventi.
BASKET COSTA MASNAGA: Spreafico 13 (3/5, 2/8), E. Villa, M. Villa 17 (5/11, 2/6), Osazuwa ne, Caloro, Balossi ne, Jablonowski 7 (0/7, 2/3), Allievi 12 (4/10), Vaughn 11 (5/10), Burkholder 9 (3/6, 1/3), Labanca ne. All. Seletti.
ARBITRI: Wassermann di Trieste, Bramante di San Martino Buonalbergo (VR) e Spessot di Gradisca d’Isonzo (GO).
PARZIALI: 19-17, 42-32, 57-48.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: San Martino 22/42, Costa Masnaga 20/49. Tiri da tre: San Martino 6/20, Costa Masnaga 7/20. Tiri liberi: San Martino 9/11, Costa Masnaga 8/16. Rimbalzi: San Martino 39 (Kelley 11), Costa Masnaga 41 (Vaughn 13). Assist: San Martino 17 (Filippi e Mitchell 4), Costa Masnaga 9 (M. Villa 3).

È un successo di quelli che rimarranno impressi a lungo, nella mente dei festanti tifosi sanmartinari: il Fila batte Costa Masnaga all’ultimo respiro, con un canestro di Chelsea Mitchell sul suono della sirena. Per le Lupe, che venivano da tre sconfitte contro le prime della classe, era una sfida assai insidiosa, che metteva in palio punti preziosi per la salvezza e la corsa ai playoff. Le giallonere se la sono portata a casa dopo averla quasi sempre condotta, rischiando però la beffa nel finale, prima del canestro che ha risolto la contesa e portato a 2-0 il conto degli scontri diretti stagionali. Davvero il miglior regalo di compleanno da parte della squadra al coach Lorenzo Serventi.

1° QUARTO. Al canestro iniziale di Spreafico rispondono Pastrello e Kelley, e poi con Mitchell il Fila sale sull’8-2 dopo 4′. Costa prova a mettersi in partita con la tripla di Jablonowski, anche se il gioco da tre punti di Kelley è di quelli da far brillare gli occhi. Resta comunque equilibrata la frazione: al 7′ Matilde Villa va a impattare da centro area a quota 11. A presentarsi avanti alla prima pausa sono le Lupe, grazie ai bei canestri di Filippi e Milazzo, per il 19-17 del 10′.

2° QUARTO. Si prosegue sulla stessa falsariga anche a inizio secondo periodo, fino al canestro di Burkholder che al 13′ permette alle ospiti di rimettere il naso avanti sul 21-23. È il via a una fase di sorpassi e controsorpassi, nella quale la gara rimane senza un padrone. Serventi trova punti preziosi dalla panchina con Pilabere e Guarise: è proprio quest’ultima a contribuire al primo vero strappo del match, insieme a 10 punti di una Pastrello “on fire”. Un 14-1 che prima dell’intervallo consente di toccare il 42-29, anche se a chiudere la frazione è la tripla di Spreafico sulla sirena, per il 42-32.

3° QUARTO. La Limonta rientra col coltello fra i denti, e con Spreafico e Allievi dimezza le distanze, riguadagnando il -5 (47-42). San Martino risponde con Milazzo e Filippi, autrice di una bomba importante per il 52-44, e poi è la stessa Milazzo a salire in cattedra: la play giallonera firmerà ben 12 punti (sui 15 delle sue) nel quarto, tenendo avanti le Lupe che all’ultima pausa hanno ancora 9 lunghezze di vantaggio: 57-48.

4° QUARTO. Ma basta un attimo per riequilibrare tutto: dopo il +10 della stessa Milazzo (top scorer con 22 punti e 10 su 14 al tiro), Costa realizza un 6-0 in meno di un minuto con le triple di Spreafico e di Villa, quest’ultima di tabella allo scadere dei 24″. Le ospiti riacquistano fiducia e approfittano dei secondi possessi per restare a contatto: a 5′ dalla fine un’altra bomba, a firma Burkholder, vale il 63-61. Poi a Milazzo risponde ancora Villa di tabella, e si entra nell’ultimo minuto sul 69-67. La Limonta gestisce bene il suo ultimo possesso, andando dentro da Allievi che a 17″ dalla sirena completa la rimonta, e impatta a quota 69. Altrettanto fa però il Fila dall’altra parte: le Lupe hanno la freddezza di scegliere la soluzione migliore che la buona difesa ospite concede, con Filippi che pesca nell’angolo Mitchell per il jumper dai 6 metri che fa saltare tutti i tifosi sulle tribune, e regala la vittoria.

GLI ALTRI RISULTATI. Empoli-Schio 54-72, Bologna-Broni 81-61, Geas-Venezia 75-86, Sassari-Lucca 78-96, Ragusa-Faenza 73-38, Campobasso-Moncalieri 64-56.
Classifica (fra parentesi le gare giocate): Schio 40 (20); Bologna 32 (21), Lucca 32 (22); Venezia 30 (17); Ragusa 26 (21); Campobasso 22 (20), San Martino 22 (21); Geas 20 (22); Costa Masnaga 16 (19); Sassari 14 (20); Faenza 12 (22); Broni 8 (20), Moncalieri 8 (21); Empoli 4 (20).

Condividi: