Domenica 5 gennaio 2020 alle ore 20.45 e lunedì 6 gennaio 2020 alle ore 18.00 presso il Tuscany Hall di Firenze il Gran Gala du Cirque, le stelle più luminose del nuovo circo in uno show unico!

Ringraziamo l’Ufficio Stampa della Longanesi per averci segnalato questo libro.

Firenze

Tuscany Hall

5 gennaio 2020 – ore 20.45

6 gennaio 2020 – ore 18.00

GRAN GALA DU CIRQUE

Le stelle più luminose del nuovo circo in uno show unico!

Una straordinaria e unica serata internazionale. Come in un sogno, si alternano sulla scena i più creativi interpreti circensi del mondo, a metà tra la suspense del circo classico e il fascino della danza contemporanea. Artisti da Las Vegas, dal Lido di Parigi, dal Festival di Monte Carlo, dai teatri internazionali più prestigiosi e dai circhi più rinomati come il Cirque du Soleil. Un magnifico show di altissimo livello artistico, tra intensa poesia e grande comicità. Un evento irripetibile, che di volta in volta propone elementi variegati e differenti, un parterre di performer incredibili, mantenendo inalterata l’alchimia finale, il risultato eccezionale di un format innovativo. Seguendo ed anticipando le sensibilità del momento e le tendenze del live entertainment, giovani ma già affermati talenti affiancano veterani e star dello spettacolo dal vivo.

Già presentato in alcune delle più esclusive ed incantevoli location italiane, tra le quali l’Anfiteatro d’Annunzio di Pescara, il Vittoriale di Gardone Riviera e Piazza San Marco a Venezia, il Gran Gala du Cirque ha registrato oltre 30.000 spettatori, ospitando 210 artisti di 17 nazioni e presentando più di 120 performance circensi.

Il 5 e 6 gennaio 2020 il Tuscany Hall di Firenze accoglierà questo caleidoscopico show delle meraviglie, ospitando le personalità più forti dello spettacolo dal vivo contemporaneo e una selezione delle migliori attrazioni del panorama circense mondiale provenienti da Ucraina, Cile, Italia, Ungheria, Germania, Bulgaria e Russia.

Nel ricco cast internazionale Tim Kriegler, danzatore aereo, premiato al Festival du Cirque de Demain di Parigi; Francisco Rojas, acrobata di straordinario talento le cui evoluzioni con la ruota Cyr richiamano la perfetta immagine leonardesca dell’uomo vitruviano; gli statuari Golden Power, dal corpo dorato, esaltazione della forza e della potenza umana; Olga Golubeva, ballerina formata alla scuola russa protagonista di un poetico quadro aereo intorno ad un magico lampione volante; la comicità surreale e stralunata dei Lucchettino, laureati a Parigi con il Mandrake d’Oro, il Premio Oscar mondiale dell’illusionismo, definiti dal quotidiano francese Le Figaro “gli Stanlio e Ollio italiani”; l’eterea danzatrice Katlin Vassileva, con una intensa performance ai tessuti che sfida la forza di gravità ed un intrigante numero con gli hula hop; il sorprendente contorsionista Andrey Romanovsky, dotato di una impressionante flessibilità e in grado di saltare la corda tenendosi in equilibrio con le mani. Con le sue movenze ora delicate, ora comiche, ora emozionanti, l’elegante quartetto di artisti ucraini Dekru, maestri della pantomima moderna, accompagnerà il pubblico per tutta la serata.

Un evento imperdibile in perfetto equilibrio tra tradizione e innovazione, un format dagli standard artistici ineguagliabili, davvero unico e originale.

Gran Galà du Cirque

5 gennaio ore 20.45

6 gennaio ore 18.00

Firenze – Tuscany Hall

5 gennaio 2020 – ore 20.45

6 gennaio 2020 – ore 18.00

Gran Gala du Cirque

un’idea di

Raffaele De Ritis e Alessandro Serena

con

Le anime leggere

Dekru

Le cinghie del destino

Tim Kriegler

La ruota misteriosa

Francisco Rojas

I Titani dorati

Golden Power

La luminosa ascensione

Olga Golubeva

Il cerchio della vita
La danza nel cielo

Katlin Vassileva

Le risate magiche

I Lucchettino

L’uomo di gomma

Andrey Romanovsky

disegno luci direzione di produzione direzione di palco logistica Andrea Ginestra Francesca Memma Alberto Fontanella Antonio Pastrello

Massimo Scomparin

Gli artisti in scena

Dekru (Ucraina), teatro fisico

Quattro pluripremiati performer ucraini, esponenti di spicco della pantomima moderna ed eredi spirituali del grande Marcel Marceau, vincitori al Festival Mondiale del Circo di Mosca e al Festival di Clown e Mimi di Odessa. Guidano il pubblico lungo tutto l’evento senza le parole, ricreando situazioni e personaggi solo grazie all’uso sapiente del corpo, in un mix di quadri evocativi e umoristici molto suggestivi.

Tim Kriegler (Germania), cinghie aeree

Giovanissimo fenomeno tedesco, è la rivelazione del momento nelle arti aeree. La sua inedita esibizione alle cinghie sospese gli ha valso la medaglia d’argento 2018 al Festival du Cirque de Demain di Parigi, la più prestigiosa vetrina mondiale del circo contemporaneo. A evoluzioni mai viste prima unisce la grazia sublime del danzatore e una naturalezza impensabile.

Francisco Rojas (Cile), ruota Cyr

A 8 anni era già membro della squadra di ginnastica artistica del suo paese, il Cile. Nelle sue esibizioni gira nello spazio a 360° grazie alla ruota Cyr, un attrezzo che lo rende simile all’uomo vitruviano di Leonardo, rappresentazione delle proporzioni ideali del corpo umano. Una performance che unisce figure acrobatiche ed emozionati passi di ballo che seguono l’andamento ipnotico della ruota Cyr.

Golden Power (Ungheria), mano a mano di forza

Due artisti ungheresi dai corpi statuari. Laureati al Festival di Monte Carlo, guest star del Cirque du Soleil e stelle del Lido di Parigi per un contratto pluriennale. Completamente dipinti d’oro, eseguono una serie impressionante di performance di forza ed equilibrio basate sulle figure muscolari con estrema precisione, tra la possenza dei corpi e l’armonia dei movimenti.

Olga Golubeva (Russia), lampione aereo

Proveniente dalla Scuola del Circo di Mosca, fucina di talenti, è un’artista che ad una preparazione tecnica eccellente affianca una performance insolita e affascinante. La sua danza acrobatica prende vita da un lampione, sul quale Olga si muove sinuosa attratta e respinta dalla luce. Un ballo poetico che esalta contemporaneamente la forza dell’essere umano e la sua delicata bellezza.

Katlin Vassileva (Bulgaria), hula hoop e tessuto

Katlin viene da una celebre famiglia circense dell’Est Europa e, dopo un tirocinio con maestri di chiara fama, presenta due attrazioni innovative: un numero acrobatico combinato con l’arte dell’hula hoop e una poetica esibizione al tessuto “unico”, una nuova tecnica arricchita da contorsioni aeree.

I Lucchettino (Italia), comicità

Con i loro sketch magici-clowneschi si sono esibiti in tutto il mondo: dai varietà al fianco di Arturo Brachetti, agli studi televisivi di Zelig Circus, dal Circo Massimo Show al programma cult della televisione belga Signé Taloche. Definiti dal quotidiano francese Le Figaro “gli Stanlio e Ollio italiani”, hanno vinto il Mandrake d’Or di Parigi, ovvero l’Oscar mondiale della magia.

Andrey Romanovsky (Ucraina), contorsionismo eccentrico

Un cappellaio magico dotato di una incredibile flessibilità che gli consente di contorcere il proprio corpo con grande disinvoltura, camminare con le gambe in spaccata con la leggerezza di un danzatore, infilarsi in un tubo del diametro di pochi centimetri e saltare la corda tenendosi in equilibrio con le mani. Un talento eccezionale e unico perfezionato alla Scuola del Circo di Mosca dove, sotto la guida dei massimi registi del circo Valentin Gneushev e Alexander Grimailo, ha dato vita a questo numero che ha girato il mondo arrivando a Las Vegas e ottenendo importanti riconoscimenti al Festival di Monte Carlo.

Spesso imitato, mai eguagliato

L’idea del Gran Gala du Cirque è nata nel contesto di Funambolika, uno dei maggiori festival di circo contemporaneo italiani organizzato dall’Ente Manifestazioni Pescaresi, per opera di due tra i più importanti operatori di circo del nostro Paese, Raffaele De Ritis (regista di produzioni internazionali tra le quali quelle del celebre colosso statunitense Barnum) e Alessandro Serena (autore di programmi tv di successo come gli speciali dedicato al Festival di Monte Carlo e al Cirque du Soleil). Il Gran Gala du Cirque è stato il primo progetto europeo a presentare in un’unica serata le novità del circo mondiale e l’unico a portare in scena 25 artisti premiati al Festival di Monte Carlo, di cui 7 Clown d’oro, e 5 Medaglie d’oro del Festival Mondial du Cirque de Demain di Parigi.

Gli artisti del Gran Gala du Cirque sono stati concessi da

Cirque du Soleil, London Royal Albert Hall, Lido de Paris, Moulin Rouge Paris, Love Beatles (Las Vegas), Crazy Horse Paris, Caesar’s Palace Las Vegas, Festival del Circo di Monte Carlo, Wintergarten Varieté Berlin, Ringling-Barnum-Bailey Circus (Usa), Big Apple Circus (New York), Bolshoi Circus (Mosca), Circus Roncalli (Germania), Circo Nazionale Svizzero Knie, Spoleto Festival, World Theatre (Singapore), Sidney Opera House, New Victory Theatre (Broadway)

Gli ideatori

Raffaele De Ritis

Regista e critico circense. Esponente di spicco del nuovo circo italiano, è l’unico europeo ad aver creato spettacoli per i tre maggiori circhi americani: Barnum, con cui ha messo in scena spettacoli a Broadway e a Hollywood, tra i quali Kaleidoscape, che ha raccolto consenso unanime tra pubblico e critica, il colosso canadese Cirque du Soleil e il Big Apple Circus al Lincoln Center di New York. È stato direttore creativo per Franco Dragone Entertainment Group, uno dei leader mondiali nello spettacolo dal vivo. Ha lavorato in Russia come consulente per il Circo di Stato di Mosca. È stato direttore artistico del Festival della Magia di Monte Carlo. Ha curato la regia per i recital del più famoso clown al mondo, David Larible. Ha collaborato con Arturo Brachetti, Aldo Giovanni e Giacomo, Raul Cremona come regista e autore. Ha creato regie su richiesta del Festival di Spoleto, la Biennale di Venezia e la Festa Internazionale del Circo di Brescia. È docente di tecniche teatrali presso la Scuola Superiore del Circo di Bruxelles. Dal 1996 al 2002 è stato membro della Commissione Circhi presso il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Alessandro Serena

Professore di Storia dello spettacolo circense e di strada all’Università degli studi di Milano. Proviene da un’antica famiglia circense (è nipote di Moira Orfei). Ha collaborato con La Biennale di Venezia in un’attività volta alla commistione fra le arti. Produttore di show di teatro-circo di successo in tutto il mondo, tra i quali Ombra di Luna, Creature, Casa dolce casa e, più recentemente, The Black Blues Brothers. Cura le tournée internazionali di celebri clown, come David Larible. Realizza grandi spettacoli figurativi e acrobatici per le più belle piazze italiane. È autore di programmi televisivi come gli speciali dedicati al Festival di Monte Carlo e al Cirque du Soleil. È stato chiamato più volte ad occuparsi degli spettacoli in occasione delle Udienze Papali come durante il Giubileo delle Genti dello Spettacolo Viaggiante 2016. È direttore dell’area studi del Centro Educativo di Documentazione delle Arti Circensi di Verona e responsabile di redazione della rivista Circo dell’Ente Nazionale Circhi. È direttore scientifico del progetto Open Circus, sostenuto dal MiBAC. Autore di numerosi volumi, fra i quali Storia del Circo (Bruno Mondadori) e Consigli a un giovane clown (Mimesis).

La compagnia

Karakasa Il Laboratorio delle Meraviglie è un centro di produzione dello spettacolo dal vivo fondato da Circo e dintorni, un’associazione culturale che affonda le radici nel circo classico e si pone come punto di contatto tra tradizione e innovazione. I suoi show hanno registrato centinaia di repliche nel mondo. In Italia i suoi artisti hanno calcato i palchi di teatri prestigiosi come il Goldoni di Venezia, il Vittoria di Roma, il Bellini di Napoli. Tra i maggiori successi vanno citati Il Clown dei Clown di David Larible, considerato il miglior clown classico dei nostri giorni, e Casa Dolce Casa, spettacolo di teatro acrobatico nato dal Circo della Pace, premiato con la Medaglia del Presidente della Repubblica e sostenuto dalla Commissione Europea. Più recente è The Black Blues Brothers, tributo comico musicale acrobatico al celebre film, salutato da Franco Cordelli sul Corriere della Sera come “la scintillante impresa dei magnifici cinque” e applaudito nell’ultima edizione del Fringe Festival di Edimburgo da oltre 12.000 spettatori e accolti da unanimi consensi di pubblico e critica specializzata.

Circo e dintorni realizza imponenti spettacoli acrobatico figurativi per grandi spazi aperti in importanti piazze italiane. La Notte degli Elementi è stata scelta per i festeggiamenti di Capodanno in Piazza Maggiore di Bologna e Piazza degli Affari di Milano ed è stato visto da migliaia di persone.

Circo e dintorni organizza eventi speciali, spesso in collaborazione con grandi marchi: Ferrari, Philip Morris, Fiat, Ducati, Samsung, Kraft, Calzedonia, sono solo alcuni dei rinomati partner che si sono avvalsi delle competenze dell’associazione.

I performer di Circo e dintorni si esibiscono frequentemente in televisione, in programmi quali Tú sí que vales, Lo show dei record, Amici, Italia’s got talent, Chiambretti nights, Piazza Grande, Alle falde del Kilimangiaro, I fatti vostri, Scherzi a parte e molti altri.

Open Circus

Sostenuto dal MiBAC, Open Circus è un progetto di Circo e dintorni per la diffusione della cultura circense attraverso attività di formazione del pubblico e ricambio generazionale nel settore. Include circo classico e circo contemporaneo, stimolando il dialogo tra i due generi.

Open Circus interviene in contesti che hanno già una rilevanza consolidata nella filiera culturale. Teatri che ospitano importanti debutti, istituti attivi nel sociale, centri di formazione d’eccellenza, atenei e scuole di circo, festival e appuntamenti internazionali e in molti altri scenari. Nel corso degli anni il progetto ha raggiunto decine di migliaia di persone nel mondo. Dato ancora più significativo se si considera che la maggior parte di esse sono giovani. Almeno millecinquecento universitari e oltre duemila tra bambini e adolescenti hanno partecipato alle attività di Open Circus, senza contare le migliaia di spettatori degli spettacoli, dei meeting e delle mostre.

#5gennaio #5gennaio2020 #6gennaio #6gennaio2020 #TuscanyHall #Firenze #GranGaladuCirque

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.