Martedì 30 aprile 2019 alle ore 21.00 presso il Teatro Corsini, Barberino del Mugello (Firenze) va in scena “Istruzioni per diventare fascista” di e con Michela Murgia, drammaturgia sonora eseguita dal vivo da Francesco Medda Arrogalla.

Ringraziamo l’Ufficio Stampa per averci segnalato questo evento

ISTRUZIONI PER DIVENTARE FASCISTA

Michela Murgia – Mismaonda
di e con Michela Murgia
drammaturgia sonora eseguita dal vivo da Francesco Medda Arrogalla
Teatro Corsini – Barberino M.llo
30 Aprile 2019 – ore 21.00

Manipolando gli strumenti democratici si può rendere fascista per anni un intero paese senza nemmeno dirla mai la parola “fascismo”, facendo in modo che il linguaggiofascista sia accettato socialmente in tutti i discorsi, buono per tutti i temi, come fosse una scatola senza etichette – né di destra né di sinistra – che può passare di mano in mano senza avere a che fare direttamente con il suo contenuto. Il contenuto. Ecco il problema essenziale.
Provare ad affermare il fascismo sul piano delle idee è lungo, complicato e conflittuale e alla fine si rivela inutile. Se si agisce sul metodo, invece, le cose verranno da sè.
Poiché infatti in politica metodo e contenuto sono la stessa cosa, il metodo fascista ha il potere della trasmutazione alchemica: se applicato senza preclusione ideologica trasforma in fascista chiunque lo faccia proprio, perché – come direbbe Forrest Gump – fascista è chi il fascista fa.
Questo monologo offre istruzioni di metodo e in particolare istruzioni di linguaggio, l’infrastruttura culturale più manipolabile che abbiamo.
Le parole generano comportamenti e chi controlla le parole di tutti controlla i comportamenti di tutti. È da lì, dai nomi che diamo alle cose e da come le raccontiamo, che il fascismo può affrontare la sfida di tornare contemporaneo. Se riusciamo a convincere un democratico al giorno a usare una parola che gli abbiamo dato noi, quella sfida possiamo vincerla.
In coda al monologo un piccolo test per misurare il grado di apprendimento raggiunto e valutare i progressi nell’adesione al fascismo.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.