a cura di Domenico Faniello

Crocifisso

Nel pianto plumbeo del cielo

dove l’arco rovesciato delle nubi

cede allo sgomento,

mentre anche la passiflora

ritrae affranta i petali,

ti vedo Dio folle,

sospeso senza fiato,

appeso come un chiodo

al legno degli infami,

come agnello legato,

eletto al sacrificio.

Sconfitto. Trafitto. Crocifisso.

Brandello di carne

sbandierato al vento d’odio,

sputo, verme, re di burla

in pasto alla folla velenosa,

così lontana, fatta solo di terra e di urla,

ma tu, silenzio di seta,

dici: “Perdona”… Ed è tuono di rose.

Se questo è un uomo.

Quale abisso non colgo in questo

annientamento di luce?

Quale scambio misterioso

in questa spoliazione?

Tu per me.

Le braccia saldate alla croce

sono ali di aquila in volo,

il capo spinato, chino sul cuore,

fiore reciso, assetato di spandersi,

il corpo nudo, piagato,

è oblazione di sposo sul talamo.

Nel sigillo del tempo compiuto,

in questa resa all’amore,

oltre lo spasimo dei nervi,

oltre l’ora del buio,

sei libero, sei

colonna di fuoco e sangue.

In te la sproporzione,

la perfezione del dolore

ha volto e nome.

BIOGRAFIA AUTORE

Maria Felicetti, nata a Taranto nel 1981, vive a Buccinasco (Mi). Attualmente autrice di racconti, fiabe, filastrocche e poesie edite su riviste ed antologie.


Domenico Faniello

Domenico Faniello è uno scrittore, poeta e socio dell’Associazione culturale Matera Poesia. Si occupa di cultura, soprattutto online, su Facebook gestisce le rubriche: Evento poetico del mese, Tra i vicoli del Paese e In viaggio con il Menestrello in diretta streamyard. Ne Il Salotto di Ceci Simo scrive per la rubrica: L’angolo della Poesia.


Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *