Beatrice Zott è la ventenne che si sta occupando degli animali rimasti orfani dopo la improvvisa e violenta scomparsa di Agitu Gudeta (l’articolo qui). La Zott conosceva Agitu e nonostante la giovane età vanta molta esperienza anche in alpeggio.

La vicenda, dopo la morte dell’imprenditrice, viene seguita direttamente dall’assessore provinciale all’agricoltura, Giulia Zanotelli. La situazione sarà monitorata dal Servizio veterinario che ha fornito al sindaco Luca Puecher tutte le indicazioni per la gestione degli animali rimasti soli dopo la tragica scomparsa di Agitu.

Il Servizio veterinario dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari di Trento ha effettuato un sopralluogo presso l’allevamento di capre dell’imprenditrice. A seguito delle verifiche effettuate è stato appurato che gli animali, di cui oltre ottanta esemplari di razza mochena, sono in buono stato di salute e ben nutriti. Nella struttura ci sono sufficienti quantità di acqua e foraggio per alimentare gli animali nelle prossime settimane. I quali nel frattempo vengono seguiti appunto dalla giovane Beatrice Zott.

L’eredità di Agitu non verrà dispersa e rimarrà sempre a memoria di come un progetto di vita possa rimanere imperituro nonostante tutto.


Fonti:
  • Il post, 29 dicembre 2020. La morte di Agitu Gudeta
  • La Repubblica, 29 dicembre 2020. Trentino, uccisa in casa Agitu Gudeta, la rifugiata etiope simbolo dell’integrazione di Andrea Selva
  • Quotidiano.net, 29 dicembre 2020. Morta Agitu Gudeta, pastore etiope simbolo di integrazione. Si indaga per omicidio
  • Il fatto quotidiano, 30 dicembre 2020. Agitu Gudeta, il custode della sua azienda confessa l’omicidio: l’ha colpita al culmine di una lite per uno stipendio non pagato di Giuseppe Pietrobelli
  • Ansa.it, 30 dicembre. Uccisa e violentata Agitu Gudeta, la donna etiope simbolo dell’integrazione. Confessa un dipendente
  • Corriere della Sera, 30 dicembre 2020. Agitu Ideo Gudeta, l’assassino ha confessato: è un suo dipendente di Tommaso Di Giannantonio e redazione Online
  • SkyTg24, 30 dicembre 2020. Uccisa in Trentino Agitu Gudeta, etiope simbolo di integrazione. Arrestato dipendente
  • Il salotto di Ceci Simo, 30 dicembre 2020. Uccisa a martellate Agitu Gudeta, donna simbolo di integrazione e forza di Adele Ross
  • Ansa, 5 gennaio 2021. Omicidio Agitu: le sue capre ora accudite da una 20enne
  • T.P.I.it, 6 gennaio 2021. Beatrice Zott, 19 anni, si prenderà cura delle capre di Agitu Ideo Gudeta: “Voglio che siano ancora felici” di Giulio Gambino
  • Alto Adige, 6 gennaio 2021. Le capre di Agitu affidate alla giovane pastora Beatrice: “Lei era una di noi”
  • Trento Today, 6 gennaio 2021. I custodi del “tesoro” di Agitu sempre vicini all’allevamento: «Qui regna la tranquillità, vi preghiamo di lasciare queste capre tranquille» di Adele Oriana Orlando
  • Settenews.it (Comune di Legnano), 6 gennaio 2021. Sarà Beatrice Zott a continuare il sogno di Agitu Ideo Gudeta? di Silvia Ramilli
  • UnserTirol.com, 7 gennaio 2021. Agitu, i veterinari a Frassilongo
Condividi: