Dalla nostra vicecaporedattrice Amelia Settele

La quarta tappa del London Bridge

Nel pomeriggio di ieri la salma della Regina Elisabetta II d’Inghilterra ha lasciato il Castello di Balmoral per essere trasportata a Edimburgo, nella Holyrood House. La Principessa Anna, accompagnata da suo marito il Vice Ammiraglio Sir Tim Lawrence, ha seguito il feretro durante tutto il viaggio.

Su gran parte dei 300 km percorsi si sono radunate migliaia di persone che hanno applaudito al passaggio del carro funebre, omaggiando la loro Sovrana con un ultimo saluto.

Intorno alle 17:30 il feretro della Regina è arrivato a Edimburgo, attraversando il Queensferry Bridge, ponte a lei dedicato e che inaugurò nel 2017. A Holyrood House – residenza dei Monarchi quando risiedono a Edimburgo- la salma della Regina ha trovato ad accoglierla anche gli altri due figli Andrea ed Edoardo e gli altri familiari rimasti in Scozia, che potranno riunirsi per una veglia funebre privata. Re Carlo III e la Regina consorte Camilla, continuano il loro tour.

Oggi, Lunedì 12 Settembre: il feretro è stato spostato nella Cattedrale di St. Giles. È stata aperta la prima camera ardente al pubblico.

Martedì 13, con un volo aereo della RAF – Royal Air Force – la bara della Sovrana rientrerà a Londra. Al suo arrivo nella Capitale, la salma della Regina verrà deposta nella Cattedrale di Westmister dove rimarrà per quattro giorni, nei quali il popolo potrà renderle l’estremo congedo.

I soldati saranno posti a sicurezza accanto alla bara durante tutto l’orario di apertura al pubblico, mentre dai membri della famiglia Reale si attende di vederli rispettare la tradizionale “Vigil of Princes” (La Veglia dei Principi), nella quale si alterneranno ai lati del feretro, in segno di cordoglio e deferenza. Tornano alla memoria le immagini dell’allora Carlo Principe di Galles e di Edoardo Conte di Essex, in piedi accanto alla bara della Regina Madre nel 2002, durante la veglia funebre.

Il London Bridge sta scandendo le ultime fasi del suo protocollo.


Articoli collegati all’argomento


Amelia Settele

Ciao, mi chiamo Amelia Settele! Amo viaggiare, leggere e scrivere. Cito una frase di Tiziano Terzani – uno dei miei scrittori preferiti – perché mi rappresenta tantissimo: Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla.


Gli ultimi articoli di Amelia Settele


Scopri i nostri libri di approfondimento e divulgazione culturale:

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.