Dal 18 al 20 giugno 2022 presso l’Isola di Gorgona (Livorno) appuntamento con lo spettacolo Metamorfosi, secondo episodio del progetto Il teatro del mare, i detenuti/attori della Casa di Reclusione in scena.

Teatro Popolare d’Arte
in collaborazione con
Casa di reclusione dell’Isola di Gorgona
Regione Toscana
 
 Teatro in carcere all’Isola di Gorgona (Livorno)
I detenuti/attori della Casa di Reclusione in scena con lo spettacolo


METAMORFOSI
Secondo episodio del progetto
Il teatro del mare”
Ideato e diretto da Gianfranco Pedullà con Francesco Giorgi e Chiara Migliorini all’interno del progetto
Teatro in Carcere della Regione Toscana in collaborazione con la Casa di Reclusione di Gorgona


Sabato 18, domenica 19 e lunedì 20 giugno 2022
Isola di Gorgona (Livorno)


Spettacoli aperti al pubblico, tutte le info per partecipare
(richieste entro il 13 giugno)


Sabato 18, domenica 19 e lunedì 20 giugno, la Casa di Reclusione dell’Isola di Gorgona (Livorno) torna ad aprire le porte al pubblico per “Metamorfosi”, il nuovo spettacolo teatrale che vede protagonisti i detenuti/ attori della Casa di Reclusione e che segue il successo di “Ulisse o colori della mente”, vincitore del premio “ANCT 2020 Catarsi – Teatri della Diversità”.

Gli interessati devono inviare richiesta di prenotazione entro le ore 10 di lunedì 13 giugno all’indirizzo pubblico@tparte.it, indicando nome, cognome, luogo, data di nascita e allegando copia della carta d’identità. Partenza alle 8 di mattina dal porto di Livorno con il traghetto Superba, durata del viaggio 70 minuti, spettacolo alle ore 11, a seguire pranzo a buffet sulla terrazza dell’istituto.
Al pomeriggio incontro con gli artisti e possibilità di visitare l’isola. Ripartenza per Livorno alle ore 18. Costo indicativo in via di definizione 30 euro comprensivo di viaggio, spettacolo e pranzo a buffet.



“Metamorfosi” è il secondo episodio della trilogia “Il teatro del mare” ideata da Gianfranco Pedullà e realizzata artisticamente in collaborazione con Francesco Giorgi e Chiara Migliorini.

Anche “Metamorfosi” – dopo il primo episodio “Ulisse o colori della mente” – è un invito a riappropriarsi della dimensione simbolica della vita, ad uscire tutti dalle piccole prigioni del nostro quotidiano.
“Metamorfosi” è una proposta di cambiamento: un invito a tuffarci nei miti del Mediterraneo per ripensare al nostro presente e immaginare un avvenire migliore.
Partendo da alcuni spunti della straordinaria opera “Metamorfosi” – scritta da Ovidio oltre duemila anni fa – lo spettacolo ripercorre poeticamente e ironicamente i grandi miti di fondazione della nostra civiltà: dall’Età dell’oro all’età del Ferro; dal mito di Bahamut alle Arpie, dal Minotauro a Diogene che cerca l’uomo, dall’Araba Fenice ad Apollo e Dafne, da Teseo e Arianna per rivedere le grandi Costellazioni del cielo: fino a quando l’apparizione di un Cavallo marino non ci riporterà nel grembo della Grande Madre Terra.
“Metamorfosi” è uno spettacolo itinerante, un percorso in alcuni luoghi suggestivi dell’Isola di Gorgona carichi di uno straordinario potere evocativo.



Informazioni per il pubblico: Compagnia Teatro Popolare d’Arte – Tel. 055 8720058 – pubblico@tparte.it.
Informazioni per la stampa: i giornalisti interessati a partecipare devono inviare una mail a marco@mannuccionline.com o promozione@tparte.it entro lunedì 13 giugno.

Condividi: