Il 19 marzo 2019 alle ore 19.00 presso il Teatro alla Scala di Milano andrà in scena “Modest Petrovič Musorgskij”, Coro e Orchestra del Teatro alla Scala. Direttore Valery Gergiev, Regia Mario Martone, Scene Margherita Palli, Costumi Ursula Patzak.

Fino al 29 Marzo 2019
Teatro alla Scala
Milano
Modest Petrovič Musorgskij
Durata spettacolo: 4 ore e 11 minuti inclusi intervalli
Coro e Orchestra del Teatro alla Scala
Nuova produzione Teatro alla Scala

19 marzo 2019 – ore 19.00
24 marzo 2019 – ore 14.30
29 marzo 2019 – ore 19.00

PRIMO ATTO 52 minuti / Intervallo 30 minuti / SECONDO E TERZO ATTO 79 minuti / Intervallo 30 minuti / QUARTO E QUINTO ATTO 60 minuti
Direttore
Valery Gergiev
Regia
Mario Martone
Scene
Margherita Palli
Costumi
Ursula Patzak
Luci
Pasquale Mari
Video designer
Umberto Saraceni per Italvideo Service
Coreografia
Daniela Schiavone
CAST
Ivan Chovanskij
Mikhail Petrenko
Vladimir Vaneev (24 mar.)
Andrej Chovanskij
Sergey Skorokhodov
Vasilij Golicyn
Evgeny Akimov
Šaklovityj
Alexey Markov
Dosifej
Stanislav Trofimov
Marfa
Ekaterina Semenchuk
Susanna
Irina Vashchenko
Scrivano
Maxim Paster
Emma
Evgenia Muraveva
Pastore luterano
Maharram Huseynov*
Varsonof’ev
Lasha Sesitashvili*
Kuz’ka
Sergej Ababkin*
Strešnev
Sergej Ababkin
Primo strelec
Eugenio Di Lieto*
Secondo strelec
Giorgi Lomiseli*
Uomo di fiducia del Principe Golicyn
Chuan Wang*
*Allievo dell’Accademia Teatro alla Scala

Sarà possibile prepararsi all’ascolto dell’opera, 45 minuti prima dell’inizio di ciascuna recita, con una conferenza introduttiva, tenuta dal Prof. Franco Pulcini, aperta a tutti gli spettatori muniti di biglietto.

L’OPERA IN POCHE RIGHE

Il grande repertorio russo torna alla Scala con un’importante nuova produzione del capolavoro di Musorgskij. La rivolta dei Vecchi Credenti guidati dal principe Chovanskij contro le spinte innovatrici di Pietro il Grande sarà fatta rivivere da Mario Martone, esperto narratore di affreschi storici e regista di scene di massa, tra le scenografie di Margherita Palli. Sul podio torna Valery Gergiev, già interprete trascinante dell’edizione del 1998, mentre nel cast insieme al Chovanskij di Mikhail Petrenko e alla Marfa di Ekaterina Semenchuk spicca, al debutto scaligero, Evgenia Muraveva che ha conquistato l’attenzione internazionale sostituendo Nina Stemme in Una Lady Macbeth del distretto di Mcensk a Salisburgo nel 2017. Chovanščina, titolo imponente e grandioso le cui necessità sceniche e musicali spaventano molti teatri, è però storicamente presente alla Scala, anche in produzioni del Bol’šoj: da ricordare almeno l’interesse di Gianandrea Gavazzeni, che la diresse nel 1967 e nel 1971, e lo spettacolo di Yuri Ljubimov del 1981.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.