→ Giovedi 9 settembre 2021 alle ore 20.30 presso il Teatro Pileo a Prata di Pordenone va in scena Oblio, produzione Cerbero Teatro. (FB: @lascenadelledonne)

LA SCENA DELLE DONNE

XVII edizione

giovedì 9 settembre

ore 20.30 | Teatro Pileo, Prata di Pordenone

spettacolo in concorso

OBLIO

produzione Cerbero Teatro

ideazione e regia Cristel Checca
drammaturgia originale Cristel Checca e Paolo Scarpelli
con Anna Carla Broegg, Cristel Checca, Francesco Figliomeni

disegno luci Francesco Traverso
grafiche Serena Rizzo
videomakers WOW Tapes
organizzazione Margherita Dellantonio

Lo spettacolo fa riflettere sullo slut-shaming, letteralmente, l’onta della sgualdrina, che dall’avvento dell’era di internet sta mietendo sempre più vittime. Si intende la gogna mediatica riservata alle donne giudicate “colpevoli” di trasgredire i codici di condotta sessuale che la società ha previsto per loro. Dal revenge porn, la porno vendetta, alle mille sfaccettature che questo fenomeno assume e che porta spesso, come denotano i fin troppi casi di cronaca, a esiti tragici. Parliamo di vittime di un mostro fatto di click che divora l’anima, di persone che non hanno più potere sulla loro immagine e di conseguenza sulla loro vita. Rimpiazzate da una personalità virtuale imposta dalla rete, più reale della realtà stessa, uccise tramite i like, le views, i commenti, i meme.

Questo il contesto di partenza, non un futuro distopico ma uno scenario, ahimè, fin troppo attuale. Una società in cui, citando Zygmunt Baumann, «il pubblico è colonizzato dal privato, l’interesse pubblico si riduce alla curiosità sulle vite private di figure pubbliche e l’arte della vita pubblica consiste unicamente nell’esposizione di affari privati e in confessioni pubbliche di sentimenti privati (quanto più intimi tanto meglio)». Una modernità in cui l’individualizzazione consiste nella trasformazione dell’identità umana da qualcosa di dato a un compito da raggiungere. Un traguardo impossibile per una donna che non ha più potere sulla propria immagine, che vive di vita propria e si mischia al cascame ormai deformato che ha originato il mondo virtuale. Un mondo in cui il diritto all’oblio è un privilegio e le leggi che regolano internet sono un labirinto senza via d’uscita.

Info contatti e biglietteria

T. 0434 40115; +39 340 0718557

info@compagniadiartiemestieri.it;

www.scenadelledonne.it/biglietteria

Condividi: