Un tramezzino tautologico (Teatro Azione), di e con Mauro Tiberi, regia Paolo Zuccari, Mattataio – La Pelanda, Roma, 7-8-9 gennaio 2019, Roma Fringe Festival 2019.

Ringraziamo l’Ufficio Stampa per averci segnalato questo evento

Un tramezzino tautologico

Teatro Azione
proveniente da
Roma
di e con
Mauro Tiberi
regia
Paolo Zuccari

fringe 9996-1

L’amore è bello e tutto quanto ma può generare tramezzini tautologici. Oltretutto è pericoloso e se non si hanno a disposizione gli strumenti e le conoscenze necessarie può diventare addirittura letale. Nello spettro dei rischi d’amore ideato dal Dottor Orange, nella migliore delle ipotesi si ha un forte mal di testa accompagnato da violenti spasmi inguinali mentre nella peggiore il cosiddetto tramezzino tautologico, ovverosia quella particolare predisposizione psicologica all’autodistruzione consapevole. In realtà non esiste alcuno spettro dei rischi d’amore ideato dal Dottor Orange. Ciò che esiste è la vicenda di Mauro e del suo tramezzino tautologico. La storia di un uomo che sa amare solo quando è solo spasimando nell’ombra e tenendosi tutto dentro. Ma quando questo suo amore ideale diventa l’amore reale di un altro diventa irrimediabilmente anche perduto per sempre. La sua reazione alla notizia che Francesca, la donna che ama fin dalle elementari, sta per avere un bambino da un certo Leonardo lo annebbierà per più di otto mesi confondendolo e allontanandolo dalla realtà. La notte del parto della ragazza sarà il momento della scelta che lui racconterà registrando un’audiocassetta per Nausicaa, la sua nipotina l’indomani compirà un anno di vita. Un lascito, un’ultima storia di un drammaturgo che non ha più niente da raccontare e neanche un motivo per mentire. Un lamento tragico di chi è rimasto vittima delle sue incapacità relazionali.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.