Anfitrione, da Plauto, scritto e diretto da Teresa Lodovico con Michel Cipriani, Irene Grasso, Demi Licata, Alessandro Lussiana, Michele Schiano di Cola, Giovanni Serratore, Teatro Binario 7, Sala Chaplin, Monza, sabato 16 febbraio 2019, ore 21.00 e domenica 17 febbraio 2019, ore 16.00.

Ringraziamo l’Ufficio Stampa del Teatro Binario 7 per averci segnalato

Teatro Binario 7 – Sala Chaplin – Monza
sababato 16 febbraio 2019 – ore 21.00
domenica 17 febbraio 2019 – ore 16.00
ANFITRIONE
da
Plauto
scritto e diretto da
Teresa Ludovico
con
Michele Cipriani
Irene Grasso
Demi Licata
Alessandro Lussiana
Michele Schiano di Cola
Giovanni Serratore
musiche dal vivo
M° Michele Jamil Marzella
spazio scenico e luci
Vincent Longuemare
coreografia
Elisabetta Di Terlizzi
costumi
Teresa Ludovico
Cristina Bari
assistente alla drammaturgia
Loreta Guario
consulente letteraria
Lucia Pasetti


Senza eliminare i risvolti problematici insiti nel codice genetico del mito, l’Anfitrione di Teresa Ludovico percorre, coraggiosamente, la strada della commedia recuperando gli antefatti del plot reso celebre da Plauto.
Prima di sposare Alcmena, Anfitrione le aveva ucciso il padre, Elettrione; inoltre la giovane aveva acconsentito a sposarlo a patto che l’eroe accettasse di vendicare i suoi fratelli, a loro volta uccisi in una faida familiare.
Anfitrione e Alcmena sono figure di un mondo dominato dalla violenza fisica, in cui la vendetta privata è l’unica forma di giustizia, il valore dell’individuo dipende dalla sua capacità di affermare e mantenere una posizione di potere all’interno della famiglia e di conquistarsi, così facendo, il rispetto e la considerazione altrui. Nella nostra realtà queste logiche prosperano nelle organizzazioni criminali, nelle mafie e camorre di ogni genere e livello.
È allora plausibile che Anfitrione e Alcmena vestano i panni dei malavitosi: lei, donna d’onore, accetta di sposare l’assassino del padre in cambio della vendetta per i fratelli e poi, fedele ai patti, lo ama e lo rispetta. Lui, un autentico boss, violento e arrogante, caduto nell’imbroglio di Giove, viene progressivamente privato del suo potere, fino a ridursi a “uomo di niente”. All’attualizzazione dei valori corrisponde quella del linguaggio, anzi del gergo, la cui esibita brutalità finisce per risultare caricaturale, riportando così lo spettatore nella dimensione della commedia.
E in effetti, questo Anfitrione malavitoso non rinuncia agli equivoci e ai calembours dei suoi predecessori di grande tradizione comica.
Biglietti:
intero € 18, Carta Più Feltrinelli € 15, ridotto € 12, allievi Scuola di teatro Binario 7 € 10, under 18 € 6
Per informazioni e prenotazioni:
039 2027002
biglietteria@binario7.org
La richiesta di prenotazione via mail va effettuata dal martedì al sabato fino alle 18.00
I biglietti prenotati devono essere ritirati entro 45 minuti prima dell’inizio dell’evento, pena la decadenza della prenotazione.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.