→ 12 giovani delle classi IV e V delle Superiori di Vicenza si sfidano a colpi di poesia sul palco del Teatro Astra grazie a Poetry Slam, con la partecipazione di Lorenzo Maragoni (FB: @lapiccionaiascs – IG: @lapiccionaiascs)

Un progetto a partecipazione gratuita, promosso dallo storico Club in collaborazione con La Piccionaia, con l’obiettivo, nel particolare momento della pandemia, di dare voce ai giovani e sostenere la cultura e l’istruzione.

CON ROTARY CLUB, 12 GIOVANI POETI SI SFIDANO ALL’ASTRA: IN SCENA “POETRY SLAM”, CON LA PARTECIPAZIONE DI LORENZO MARAGONI

L’evento è la restituzione scenica di un laboratorio di poesia performativa con le studentesse e gli studenti delle classi IV e V delle scuole superiori di Vicenza, guidati dall’attore e formatore, nonché campione nazionale di poetry slam.

Dodici ragazze e ragazzi delle classi IV e V delle scuole superiori di Vicenza; un palcoscenico sul quale sfidarsi a colpi di poesia; un conduttore d’eccezione, e un pubblico che decreterà la vincitrice o il vincitore: sono gli ingredienti di “Poetry Slam”, una serata di poesia performativa condotta da Lorenzo Maragoni, che andrà in scena al Teatro Astra domenica 6 giugno (ore 19). Un appuntamento dedicato alla poesia e alla sua capacità di rinnovarsi nei temi e nelle forme attraverso gli interpreti di ogni nuova generazione. L’evento è la restituzione scenica finale di un laboratorio realizzato nei mesi scorsi per i giovani partecipanti dall’attore e formatore – originario di Terni e di stanza a Padova -, nonché campione nazionale di poetry slam. L’intero progetto, a partecipazione gratuita, è stato voluto e promosso da Rotary Club Vicenza Berici come strumento di sostegno alle giovani generazioni durante la pandemia, ed è stato realizzato in collaborazione con La Piccionaia. L’evento finale fa parte della programmazione del Teatro Astra “Ritorno in famiglia”, curata dal Centro di Produzione Teatrale vicentino per il Comune di Vicenza, con il contributo del Ministero della Cultura.

“Poetry slam” sarà dunque una competizione amichevole fatta di poesie brevi, fulminanti, originali, e tutte diverse tra loro. Un modo per far sentire la propria voce, per portare su un palco il suono dei propri pensieri, il proprio punto di vista sul mondo, e condividerlo con il pubblico. Protagonisti saranno i giovani poeti Francesca Calegaro, Giorgia Carli, Angela Castellan, Sofia Dal Canto, Marco D’Amore, Alainliam Fabic, Benedetta Faccio, Chiara Frison, Laura Maria Lovato, Maria Mercanzin, Xacobo Nicolas Pasantes, Maria Chiara Piva: performers nonché autori dei componimenti – grazie al talento, alla voglia di mettersi in gioco e al laboratorio compiuto sotto la guida di Maragoni tra aprile e maggio scorsi, ospitato dalla sede cittadina del Rotary Club e dal Polo Giovani B55.

“Un percorso che ha permesso ai partecipanti di sperimentare con la scrittura e con la comunicazione orale – spiega Lorenzo Maragoni -. Una forma di gioco-sul-serio, propedeutica al parlare in pubblico, al presentarsi, allo scrivere di sé in modo consapevole e personale, ad aprirsi al ricevere feedback in modo partecipativo e costruttivo. I ragazzi e le ragazze hanno preso ispirazione dalla propria biografia, dalla propria immaginazione e dalla realtà in cui vivono, hanno scritto alcune brevi poesie e hanno imparato insieme a ‘performarle’ dal vivo. Attraverso la scrittura poetica, ciascuno ha sperimentato liberamente, a partire da input semplici, un piccolo percorso autonomo in cui ha incanalato esperienze di lettura, scrittura, e di sguardo sulla realtà e su di sé, condividendolo con gli altri partecipanti e con il conduttore e, infine, con il pubblico”.

E sarà proprio il pubblico dell’Astra l’altro protagonista della serata, chiamato a decretare la vincitrice o il vincitore del contest.

“Il Rotary Club Vicenza Berici ha deciso di lanciare, con il supporto de La Piccionaia, questo progetto con due obiettivi – spiega Giovanni Segato, Presidente Rotary Club Vicenza Berici 2020/2021 -. Da una parte si voleva dare voce ai ragazzi all’interno di uno schema espressivo-emotivo nuovo, creativo e originale, anche se già sperimentato in altri contesti; dall’altra si cercava di sostenere il mondo della cultura e dell’istruzione che riteniamo abbia risentito più di altri delle limitazioni imposte dalla situazione contingente. I ragazzi si esibiranno domenica sul palco del Teatro Astra in una serata aperta al pubblico che rappresenta il momento finale di un percorso che hanno iniziato da qualche settimana con la guida di un attore e autore teatrale che ha una consolidata esperienza in questo formato espressivo. Nell’occasione il pubblico non sarà solo spettatore, ma avrà anche un ruolo attivo, in quanto dovrà esprimere le proprie preferenze. Siamo sicuri che l’evento avrà il successo che ha già ottenuto in altri contesti e auguriamo ai ragazzi che partecipano a questo laboratorio di divertirsi e di dimostrare tutto il loro valore”.

Il poetry slam e Lorenzo Maragoni

Il poetry slam è una competizione amichevole in cui i partecipanti leggono, declamano e recitano le proprie poesie di fronte ad un pubblico, che le giudica e le vota con i suoi applausi. Una pratica nata nel 1984 a Chicago per iniziativa di Marc Smith, poeta-operaio, che pensava che il luogo della poesia non potesse più essere solo quello delle accademie e dei circoli, spesso elitari ed esclusivi: la poesia – secondo Smith – ha una vocazione popolare, inclusiva, corporea, orale, che viene proprio dalle sue origini e che si lega ai cantastorie, al teatro, alla commedia dell’arte, alle sottoculture urbane, ai comizi, al mondo dell’hip hop. Da allora, il poetry slam si è diffuso rapidamente prima negli Stati Uniti e poi in Europa, dove nascono nel 2007 “La Coupe du Monde” (Francia) e nel 2012 il Campionato europeo. Ma è in Italia che nasce, già nel 2005, il primo slam internazionale del continente, il “Trieste International Poetry Slam”, al cui interno nasce nel 2013 la Lega Italiana Poetry Slam, impegnata nella ricerca per offrire al pubblico non solo uno spettacolo divertente, ma anche testi e performance di alto livello. Èd è proprio in questo circuito che si muove Lorenzo Maragoni, accanto alla sua attività di autore teatrale, autore e regista con la compagnia Amor Vacui e alle collaborazioni con il Teatro Stabile del Veneto, La Piccionaia, Teatro Boxer e l’Università degli Studi di Padova. Attivo nel 2018 all’interno della LIPS, nel 2019 è stato finalista nazionale e, nello stesso anno, campione nazionale di poetry slam a squadre, in coppia con Diego Scantamburlo. Nel 2020 è stato finalista al premio Bologna in Lettere, nella sezione dedicata alla poesia orale e performativa, e ha organizzato il primo torneo di poetry slam del Teatro Stabile del Veneto, al Teatro Verdi di Padova. 


Lo spettacolo si svolgerà nel rispetto di tutte le norme di sicurezza. Partecipazione gratuita (posti limitati, prenotazione obbligatoria)

Info e prenotazioni: Ufficio Teatro Astra – Contrà Barche 55 (Vicenza) –  telefono 0444 323725 – info@teatroastra.itwww.teatroastra.it – aperto il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 15-17.45, telefonicamente il giovedì e il venerdì con gli stessi orari, oppure online sul www.teatroastra.it.

Condividi: