→ Il 15 e 16 giugno 2022 presso lo Spazio Teatro No’hma di Milano appuntamento con Stelle non calcolate, il teatro come rinascita. (IG: @spazioteatronohma – FB: @teatronohma)

Spazio Teatro Nohma

Milano

Mercoledì e Giovedì 15 e 16 giugno, ore 21

Stagione 2021/2022 – Senza Confini

Stelle non calcolate”:

il teatro come rinascita

Accanto alla vocazione internazionale, con spettacoli in anteprima assoluta per l’Italia provenienti dalla Corea al Giappone, dall’India al Sud Africa, solo per citare alcuni Paesi, Spazio Teatro No’hma è anche attento alle compagnie italiane e a quelle presenti sul territorio milanese e lombardo. Come per lo spettacolo “Stelle non calcolate”, il 15 e 16 giugno, con la compagnia briantea La Fabbrica delle Idee, che porta in scena la convinzione  che l’arte, in tutte le sue forme è un potente motore di crescita e vita. Ma bisogna vivere l’arte per sé o farla vivere per gli altri e diffonderla tra l’umanità? Questa è l’eterna domanda di un artista.

I protagonisti di “Stelle non calcolate”, non potendo più esprimersi con il loro mestiere, incontrano, in un luogo tetro, quattro personaggi grotteschi, quasi alienati dalla realtà quotidiana. L’incontro risveglierà i loro più intimi bisogni e, tra confessioni e analisi personali, riscopriranno il desiderio di unirsi in un progetto comune, la creazione di uno spettacolo.

Ed è il teatro a diventare rinascita, emozione, possibilità, missione di vita, costante ricerca di verità,  bellezza capace di salvare il mondo.

Ancora una volta Spazio Teatro No’hma, di via Orcagna 2 a Milano, propone uno spettacolo fortemente legato a temi che da sempre caratterizzano le sue scelte artistiche e l’impegno culturale e sociale della Presidente Livia Pomodoro, convinta come sempre che: “La nostra motivazione principale è la contaminazione culturale e la messa in scena di spettacoli senza confini né barriere, geografiche o mentali, con la costruzione di eventi teatrali che si trasformano in momenti di scambio per il pubblico e di condivisione per e tra i cittadini”.

Condividi: