Nel corso della storia dell’uomo sono molteplici le pandemie che hanno colpito la popolazione mondiale. Ma esiste anche un’altra storia… un racconto che narra di uomini e donne che contrassero sì un virus, ma che salvò loro, la vita! Il potente agente patogeno è passato alla cronaca con il nome di: Virus K.Continue Reading

Condividi:

È il culto della Santa Muerte o Nuestra Senora della Santa Muerte che riflette e mescola elementi che vanno dalla Dea Atzeca della morteMictecacihuatl, ad alcuni requisiti del Cristianesimo senza dimenticare le influenze apportate dal Palo Mayombe – uno dei tre filoni religiosi di origine Bantu che gli schiavi Africani portarono nel nuovo mondo, soprattutto nel Sud America, durante l’infausto periodo della tratta degli schiavi.Continue Reading

Condividi:

È il culto della Santa Muerte o Nuestra Senora della Santa Muerte che riflette e mescola elementi che vanno dalla Dea Atzeca della morteMictecacihuatl, ad alcuni requisiti del Cristianesimo senza dimenticare le influenze apportate dal Palo Mayombe – uno dei tre filoni religiosi di origine Bantu che gli schiavi Africani portarono nel nuovo mondo, soprattutto nel Sud America, durante l’infausto periodo della tratta degli schiavi.Continue Reading

Condividi:

Il Vampiro è da tempo immemore una delle figure più affascinanti del panorama letterario e cinematografico. Complici romanzi come “Dracula” di Bram Stoker o il film omonimo del libro appena citato- diretto dal regista Francis Ford Coppola – il Vampiro è anche protagonista di leggende altrettanto funeste e immortali che meritano di essere ricordate.Continue Reading

Condividi:

Salone del Libro 2022. “Cuori Selvaggi” raccontato dalla nostra inviata a Torino Maria Domenica Celano… il Salone del libro. L’afflusso è stato sorprendente per il Direttore, gli organizzatori, operatori, editori. E la nostra inviata Maria Domenica Celano per Libridalsalotto e per il magazine culturale Il salotto di Ceci Simo non poteva mancare nemmeno quest’anno.Continue Reading

Condividi:

Una rosa, Vulcana e Tancredi – due giovani innamorati – e la loro appassionata storia d’amore, sono gli elementi cardine di questa antica leggenda che si tramanda tra le calle di Venezia (calle: tipiche vie Veneziane. Nome che discende dal latino callis che significa sentiero.
Questo racconto è talmente tanto radicato nella cultura veneziana, dall’essere celebrato col nome di “Festa del Bocolo”. Festeggiata ogni 25 di Aprile in concomitanza con San Marco, Patrono della città.Continue Reading

Condividi: