→ La Todis Salerno ha ufficializzato l;arrivo della giovane Giordana De Nicolo (classe 2002) proveniente da Nuova Matteotti Corato. (FB: @salernobasket)

Altro innesto per coach Russo: presa la giovane De Nicolo

La cestista pugliese ha già esperienza in B con Corato: “Intensità in difesa è il mio forte”

Nella stagione 2021/22 la Todis Salerno ’92 potrà contare anche sull’apporto di Giordana De Nicolo. Classe 2002, la guardia-ala piccola proviene dalla Nuova Matteotti Corato, con cui ha affrontato le granatine nello scorso campionato.

Mi è piaciuta tanto l’intensità che Salerno ha sempre messo in campo, guardandola da avversaria: sarà ancora più bello essere all’interno degli ingranaggi e capirne meglio le dinamiche. – ha detto la giovane giocatrice – Mi ha colpito la coesione del gruppo, che ha sempre giocato da squadra, con poche iniziative individuali, cercando di portare sempre i giochi fino alla fine. Tutto ciò rispecchia un po’ le mie caratteristiche: mi piace molto correre, giocare su ritmi alti e con grande attenzione in fase difensiva. Preferisco dare il mio contributo soprattutto lì. Fuori dal campo, poi, cerco di essere un collante nel gruppo, perché non amo affatto le divisioni. Uno dei segreti è quello, adattarsi e sostenere le compagne nei momenti di difficoltà”.

Per De Nicolo si tratterà della prima esperienza fuori casa. “Confesso di avere un po’ di ansia ma è normale: appena comincerò ad ambientarmi, subentrerà l’entusiasmo e la voglia di fare bene. L’obiettivo di squadra è senza dubbio puntare ai vertici della classifica”, dice la diciannovenne che è cresciuta a pane e basket. Il papà, Bruno, l’ha allenata fino all’anno scorso a Corato: “Mi lascia sempre molto libera e non mi dà particolari consigli. Mi ha soltanto detto di essere me stessa in questa nuova esperienza, la solita Giordana. Devo crearmi la mia strada da sola e sono sicura che Salerno potrà essere importante da questo punto di vista”. Ora De Nicolo si unirà alla piccola colonia pugliese in granata, assieme alle brindisine De Mitri e Capriati.

Condividi: