Domenica 24 marzo 2019 andrà in scena lo spettacolo “Urlando furiosa, un poema etica” di Rita Pelusio e Riccardo Pippa, Teatro Corsini, Barberino del Mugello (Firenze).

Ringraziamo l’Ufficio Stampa per averci segnalato questo evento


Domenica 24 Marzo 2019
Teatro Corsini – Barberino del Mugello (Firenze)
URLANDO FURIOSA, UN POEMA ETICO – Rita Pelusio – PEM Habitat Teatrali
Progetto BREAD&ROSES Dalla parte delle donne
di Rita Pelusio e Riccardo Pippa
regia Riccardo Pippa

Ispirandosi al testo di Ariosto, Rita Pelusio trasforma il poema epico in un dialogo intimo, ironico, autocritico a tratti comico e surreale, con un battagliero alterego di nome Urlando che al grido di “à la Guerre” si lancia in un’aspra critica sociale e politica, prima sussurrata, ma poi crescente fino ad esplodere furiosa in un travolgente one-woman show che non annoia ma anzi fa riflettere, diverte e commuove mentre ci sprona alla lotta contro le mille ingiustizie che affliggono questo mondo. E alla fine ti senti pronto ad unirti a lei gridando: à la Guerre!
Urlando è una diversamente paladina. Ha un problema: l’intolleranza al senno. Decisamente inadatta a stare sulla terra viene esiliata sulla Luna, dove finiscono tutte le cose perdute. E come loro anche Urlando si sente persa. Ora è lassù e guarda dall’alto il mondo che ha lasciato. Si chiede dove stia davvero la follia e dove la ragione. Non avrebbe fatto meglio ad accettare il senno terrestre che ha sempre intollerato? Vale la pena battersi per battaglie considerate perse?
Urlando Furiosa è un buffone poetico e irriverente nato dalla fantasia di Rita Pelusio, attrice e autrice che da anni sperimenta un teatro che sappia essere al contempo comico e civile. Lo spettacolo che gioca con l’immaginario dell’epica, presenta un’eroina all’incontrario, piena di dubbi, in crisi, perennemente bastonata dalla realtà. Attraverso le sue riflessioni e il racconto delle sue battaglie perse si interroga sulle contraddizioni del presente e si chiede se ha ancora senso credere nell’incredibile, sfidare il cinismo e la disillusione, immaginare il futuro con più incanto.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.