Domenica 28 aprile 2019 alle ore 21.00 presso lo Zelig Cabaret di viale Monza 14 a Milano, ZMAIL (Z come Zelig, A come Arese, ZMAIL come Smile). Serataa ingresso libero con prenotazione.

Ringraziamo l’Ufficio Stampa dello Zelig Cabaret per averci segnalato questo evento.

Zelig Cabaret
Viale Monza 140 – Milano
28 Aprile 2019 – ore 21.00
ZMAIL
Serata ad ingresso libero con prenotazione
Z come ZELIG. A come ARESE. ZMAIL come SMILE.

Questo spettacolo comico nasce dall’incontro tra le Comunità Residenziali del Centro Salesiano “San Domenico Savio” di Arese (MI), che accolgono ragazzi che necessitano di un sostegno educativo nel loro percorso di crescita, e Zelig, tempio della comicità italiana per eccellenza.
Questo incontro è con il sorriso. Abbiamo raccontato a Zelig del Centro Salesiano, dei ragazzi che lo vivono e di tutti coloro che prendono parte a questa realtà, e Zelig ha subito accolto la nostra pazza idea: portare su uno dei palchi comici più prestigiosi di Milano i ragazzi delle Comunità. Questo incontro è per il sorriso. Si può ridere di fronte alle difficoltà della vita? Ci si può divertire quando tutto quello che ci sembra possibile sia solo urlare di rabbia o piangere di dolore? Si può sorridere delle proprie fragilità? L’esperienza del quotidiano condiviso tra gli educatori e i ragazzi che vivono la realtà del Centro Salesiano dimostra che tutto questo è possibile, e anche tanto altro: condividere, confrontarsi, chiarirsi, fare pace con se stessi e con gli altri. Crescere.
E così nasce l’idea di un laboratorio di teatro-cabaret, un’esperienza artistica, formativa e ludica pensata per i ragazzi che oggi vivono in comunità.
Siamo partiti dai talenti di ciascuno, da quello che ciascuno è e sa fare, rispettando la libertà e la voglia di mettersi in gioco, e ridendoci sopra, tanto.
Siamo arrivati a creare un vero e proprio show, interamente pensato, realizzato e interpretato dai ragazzi del Centro Salesiano di Arese.
Musica, teatro, cabaret … e tanto altro ancora!
E allora sì che si può ridere, sì che ci si può divertire, sì che si può sorridere.
Non solo si può, ma quasi … si deve! In un modo inaspettato, sorprendente, incredibile. Diverso.
E, infatti, il nostro spettacolo non si chiama SMILE, ma ZMAIL!
Si ringrazia in particolare Giancarlo Bozzo per aver creduto sin da subito nell’idea di questo progetto

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.